Archivio mensile:gennaio 2019

Intervento del Presidente nazionale sen. Edoardo Patriarca

Il presidente di ANLA sen. Edoardo Patriarca commenta l’incontro con il Gruppo ANLA Dialisi BOLOGNA avvenuto nella Casa della Solidarietà “A. Dubcek” (ex Succursale ITCS “G. Salvemini”) a Casalecchio di Reno (BO) presente il sindaco Massimo Bosso. In sintesi: per vivere una vita felice, utile e importante nonostante l’età, la chiave di svolta è fare qualcosa per gli altri, è vivere un’esperienza di amicizia e di relazione. Il Volontariato si fa nei settori più vari, dall’assistenza alla cultura al turismo sociale, ma la cosa più preziosa è che noi facendo questi gesti creiamo relazioni, amicizie. Non facciamo Associazione solo perché facciamo cose ma perché vogliamo diventare più amici, più vicini fra di noi e aiutarci. Questo è il miglior modo per vivere la vita in pienezza e stando insieme in ANLA questo potremmo riuscire a farlo.

Piani sanitari integrativi per tesserati ANLA e familiari

Aglea Salus e ANLA hanno firmato nei giorni scorsi un’importante Convenzione riservata ai tesserati ANLA e ai loro familiari per l’offerta di piani sanitari integrativi. La nostra Associazione intende così fornire un servizio a quanti fra i nostri tesserati hanno più volte chiesto piani sanitari particolarmente convenienti, con più facilitazioni e che non avessero vincoli temporali come questo che qui presentiamo che,in base alle condizioni riportate nel Piano sanitario ANLA – AGLEA, non si arresta con il compiersi degli 80 anni.

Convenzione ANLA - AGLEA

Convenzione ANLA – AGLEA

Continua a leggere

Anton Maria Maragliano

C’è una mostra da non perdere a Genova, una mostra che ci permette di conoscere ed ammirare l’attività di un grandissimo scultore ligure in un’unica esposizione che comprende opere disseminate in tutto il territorio ligure dalla costa all’entroterra.

L’artista genovese, il più grande scultore del legno nella Liguria del Sei-Settecento, maestro indiscusso sia in Italia che in Europa, è stato uno dei protagonisti del suo tempo, Alla sua formazione contribuirono scultori come Arata, Bissoni e Andrea Torre. La sua bottega raggiunse notorietà ben oltre i confini genovesi, lavorando in particolar modo per nobili, ordini religiosi e confraternite.

Ha rinnovato in chiave barocca e pre-rococò l’arte del legno importando la poetica decorativa e celebrativa svolta contemporaneamente da Domenico Piola nella pittura e da Filippo Parodi nel marmo. Le suggestive sculture decisamente influenzate dal linguaggio berniniano, rappresentano il compromesso perfetto tra estro aulico e gusto popolare dando vita a macchine spettacolari e scene dense di pathos.

La mostra “Anton Maria Maragliano 1664 – 1739”, allestita a Palazzo Reale, Teatro del Falcone, fino al 10 marzo 2019, si propone come un viaggio cronologico del Maragliano, che va dalla formazione alla gestione della sua bottega. Un racconto e una testimonianza della straordinaria capacità artistica che ha riformato la tecnica scultorea lignea policroma. Quattro sezioni tematiche suddivise in suggestive aggregazioni di opere per iconografia o impatto scenografico: documenti inediti, bozzetti, sculture dai crocifissi alle madonne o santi, passando per statue di presepi e casse processionali.

Genova, Palazzo Reale

Genova, Palazzo Reale

Continua a leggere

Febbraio nel calendario Barbanera

NELL’ORTO E NEL GIARDINO CON LA LUNA

NELL’ORTO

Contando sulla clemenza del tempo, semi e attrezzi alla mano, si entra nel periodo più intenso dell’anno. È questo infatti il momento in cui riprendono a pieno ritmo le semine, da effettuare, ovviamente. seguendo la Luna. Ci vuole la fase crescente per ceci, rucola, zafferano, piselli (al nord), per seminare in semenzaio i peperoni e mettere a dimora le zampe di asparago. In calante è invece il tempo giusto per la semina in semenzaio di basilico, bietola da coste, cipolla bianca, erba cipollina, lattuga, prezzemolo, ravanello, sedano. All’aperto invece bietola da orto, le varietà precoci di carote, cavolo cappuccio primaverile-estivo, rape e spinaci. Se non già fatto, si possono ancora piantare i bulbilli di aglio e il topinambur. Rincalzare i piselli seminati in autunno.

NEL GIARDINO

Mani nella terra pure in giardino! Dove molto c’è da fare in vista della bela stagione. Con la Luna crescente propagare per talea begonie, dalie e viti americane e posizionarle in substrato di sabbia e terriccio. Mettere a dimora forsizia, cotogno giapponese, clematide e rose. Tra i rampicanti piantare convolvolo e pisello odoroso, proteggendo il terreno con della pacciamatura per evitare che le gelate danneggino le radici. Seminare viola e violacciocca in vaso e pelargoni in semenzaio. Potare a febbraio le rose in crescente per averle a gambo lungo, altrimenti in calante. Sempre in Luna calante potare e cimare – ovvero ridurre la cima – le siepi delle specie spoglianti, gli arbusti a fioritura autunnale e quelli che hanno già perso i frutti. Iniziare a potare anche le ortensie e le erbe aromatiche.

La copertina del calendario 2019 Barbanera per ANLA

La copertina del calendario 2019 Barbanera per ANLA

Continua a leggere

Incontro con ANLA Dialisi Bologna

Il presidente Patriarca ha incontrato i volontari del Gruppo ANLA Dialisi Bologna alla Casa della Solidarietà “A. Dubcek” (ex Succursale ITCS “G. Salvemini”) di Casalecchio di Reno. Il sindaco di Casalecchio Massimo Bosso ha accolto i nostri: “Voi seguite persone con una problematicità importante, dove il rapporto con il volontario è importante: quello che fate è sicuramente qualcosa che viene fatto perché ci credete e dà qualcosa in più: il rapporto umano”. Il presidente Patriarca ha sottolineato tre punti: testimonianza di gente che ci crede e agisce; il volontariato è efficace se ognuno fa il suo mestiere; fare il volontario significa creare relazione.

Incontro con il Gruppo ANLA Dialisi Bologna

Incontro con il Gruppo ANLA Dialisi Bologna

Continua a leggere

Grazie Presidente Mattarella

Grazie signor Presidente della Repubblica. Grazie per il suo messaggio, grazie per aver riportato al centro del nostro agire sociale la dimensione della comunità.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante il discorso di fine anno. (foto di Francesco Ammendola - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante il discorso di fine anno.
(foto di Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Non vogliamo aggiungere altro alle eloquenti parole del Capo dello Stato che invitiamo a rileggere con attenzione cliccando qui.
Desideriamo ribadire con forza il nostro impegno a “riconoscerci comunità”, cioè “condividere valori, prospettive, diritti e doveri” in un ambiente “in cui tutti si sentano rispettati e rispettino le regole del vivere comune”.
Grazie signor Presidente per aver ricordato al Paese che “Sicurezza è anche lavoro, istruzione, più equa distribuzione delle opportunità per i giovani, attenzione per gli anziani, serenità per i pensionati dopo una vita di lavoro: tutto questo si realizza più facilmente superando i conflitti e sostenendosi l’un l’altro”.
Sono parole che orienteranno la presenza di ANLA nel nostro Paese.

Un Presepe Vivente per il Burkina Faso

Un viaggio nella storia, per entrare nel Villaggio di Betlemme: incontrare i soldati romani, passeggiare tra le botteghe artigiane, ma anche sostare al punto ristoro. Il tutto accompagnato dalle bellissime note gospel del Nico Bucci & Roma Gospel Voices. Torna a grande richiesta il Presepe Vivente Missionario, in scena sabato 5 gennaio 2019, nella periferia sud di Roma, sede della Comunità Missionaria di Villaregia.

Tante le conferme, come le botteghe storiche che ricreeranno l’ambientazione dei tempi di Gesù; oltre cinquanta personaggi, dai soldati romani che vi accoglieranno all’entrata del “Villaggio di Betlemme”, fino al ciabattino, al falegname, al fabbro. Ma anche tante le novità: come la partecipazione del coro gospel romano, formato da oltre 50 elementi, diretto da Nico Bucci, che si esibiranno nel concerto della natività “Rejoice”. L’incanto del Gospel natalizio risuonerà all’interno della cornice del Villaggio per coinvolgere i visitatori, ed aiutarli ad avvicinarsi al messaggio di Natale.

Il Presepe Vivente Missionario 2018-2019 ha per obiettivo quello di raccogliere fondi per sostenere la missione in Burkina Faso che ha una popolazione di 19,19 milioni con una speranza di vita pari a 50 anni e un tasso di alfabetizzazione al 36%, uno dei 10 Paesi più poveri del mondo

Presepe vivente

Presepe vivente