Archivio mensile:dicembre 2019

Vorremmo impiegare il nostro tempo di volontari nel segno della gratuità e del dono

Una delegazione di Anla – Associazione nazionale lavoratori Anziani guidata dal presidente nazionale  Edoardo  Patriarca è stata ricevuta in udienza questa mattina da Papa Francesco in occasione del settantesimo anniversario di fondazione di Anla.

Vorremmo impiegare il nostro tempo di volontari nel segno della gratuità e del dono. Vorremmo metterci a disposizione delle nuove generazioni per uno scambio reciproco di competenze, non quelle tecniche ma quelle che riguardano la buona vita e che attingono alla esperienza vissuta in famiglia e nel lavoro. Vorremmo farlo con pazienza e umiltà” ha sottolineato nel suo saluto il presidente PatriarcaVorremmo ridire ai giovani lavoratori il senso e il significato del lavoro alla luce del dettato evangelico e di quello costituzionale. Vorremmo aiutare le imprese dove abbiamo lavorato a scoprire una nuova dimensione, quella sociale: non solo la ricerca del profitto fine a se stesso ma anche la qualità delle relazioni interne, la presenza nei territori e l’interazione con le comunità in cui si opera”.

Il Santo Padre, che al termine dell’udienza ha salutato tutti i presenti, si è soffermato sul valore del dono e ha rilanciato l’invito al dialogo fra le generazioni e l’auspicio a incrementare le attività di volontariato per il bene che si fa alla società e a se stessi.

Anla ha donato al Santo Padre una statuetta del presepe, opera del maestro Franco Artese, della tradizione presepista lucana. La statuetta raffigura san Francesco in abiti diaconali con il Bambin Gesù, rievocazione del primo presepe di Greccio.

Il presidente Edoardo Patriarca e il Santo Padre

Il presidente Edoardo Patriarca e il Santo Padre

Noi crediamo che la persona anziana può essere maestra nell’educazione alla vita e ai sentimenti: l’amicizia, l’amore gratuito, il rispetto della persona, la solidarietà, la fedeltà agli impegni presi s’imparano per contagio, per trasmissione di esperienza, attraverso la testimonianza di persone mature” ha concluso il presidente Patriarca che ha ribadito “Gli persone anziane possono essere per davvero formatori di umanità e creatori di legami. Le figure che meglio raccontano questa dedizione alla vita sono i nonni e le nonne: educano alla vita e garantiscono servizi di sostegno che lo Stato oggi offre solo in minima parte. Un pensiero particolare va alle madri troppo spesso costrette a scegliere tra attività lavorativa e cura della famiglia. Una scelta ingiusta.

Volontariato: non solo organizzazione ma anche movimento di popolo

In occasione della Giornata Internazionale del Volontariato che si celebra oggi 5 dicembre, ecco la dichiarazione del presidente nazionale di ANLA – Associazione Nazionale Lavoratori Anziani, sen. Edoardo Patriarca: “Il volontariato non è solo organizzazione, è movimento di popolo. Sono più di sei milioni i volontari presenti in Italia, sono una vera e propria dorsale strategica a servizio del bene comune: nessuno li ha scelti o li ha cresciuti con questo scopo, sono tutti spinti dal proprio cuore e dal proprio desiderio di essere utili agli altri, alla collettività. Sono la forza buona dell’organismo sociale che è la nostra vita di comunità nella quotidianità, sono la concretezza del far bene il bene, ecco perché l’attività volontaria va sostenuta ovunque si manifesti, accogliendo anche forme e modalità nuove più vicine al tempo che viviamo, soprattutto più vicine ai giovani. Questo perché se le sfide sono quelle di sempre, cambiano grazie all’inventiva e al cuore dei volontari la modalità di risposta, perché di fronte all’attualità e all’urgenza dei problemi i volontari sono abituati a lanciare il cuore oltre l’ostacolo elaborando risposte concrete sempre nuove e sempre efficaci.

Logo ANLA

Logo ANLA

Il volontariato è testimonianza dei valori della gratuità e del dono come virtù civili e non va visto solo come gratuità del tempo dato: il volontariato è qualcosa di più, al tempo stesso concreto per la necessità di risolvere problemi e astratto per la capacità di elaborare nuovo pensiero: è un modo e uno stile di  pensare la propria vita, che si ribella ad una visione meramente economicistica della società che purtroppo è anticamera di esclusione e di isolamento dei più deboli. Il volontariato è inclusione, è condivisione, è una proposta che vale per tutti, anche per i soggetti economici. Dialogando con i volontari in giro per l’Italia, una volta un giovane mi rispose di essere, in quanto volontario, un egoista: questo perché chi fa il bene ad altri fa contemporaneamente e in primo luogo bene a se stesso, perché il volontariato fa star bene sia chi riceve aiuto sia chi lo dona. Ciò che caratterizza il volontariato è l’impegno a costruire relazioni di amicizia e fraternità: i volontari non sono semplici erogatori di servizi, essi tessono e ritessono legami nelle comunità, sono esperti di umanità, sanno stare sulla strada, ascoltare e mettersi in gioco là dove è necessario, aprendo nuove vie, producendo innovazione sociale, generando nuove azioni di solidarietà. I volontari sono capaci di fare politica nel senso di polis, comunità, cittadinanza, dando voce a coloro che non ce  l’hanno, proponendosi soggetto politico a tutto tondo, individuando soluzioni e azioni concrete da proporre agli amministratori pubblici e a tutta la comunità. I volontari non sono solo “barellieri” delle emergenza, sono la risposta migliore che la società esprime ai virus autodistruttivi che sempre più spesso la minacciano.

La dignità di un popolo è la vita di coloro che devono conquistarsi ogni cosa ogni giorno

In occasione della Giornata mondiale delle persone con disabilità che oggi 3 dicembre si celebra in tutto il mondo, ecco la dichiarazione del presidente ANLA sen. Edoardo Patriarca:

“Giornate come questa che stiamo vivendo fanno bene alla democrazia e alla società perché se la forza di una catena si misura dalla consistenza dell’anello più debole, per capire il nostro grado di umanità, cioè fino a che punto possiamo dirci donne e uomini del nostro tempo, dobbiamo guardare a come le persone con disabilità sono inserite e innervano il nostro tessuto sociale.

La loro qualità della vita è la misura del nostro essere persone umane perché la dignità di un popolo non è il potere di acquisto o il tenore di vita della maggioranza ma è la vita di coloro che devono conquistarsi ogni cosa ogni giorno. Dobbiamo riportare al centro della nostra società le persone con disabilità non per la loro debolezza ma per l’essere loro costruttori di vita al pari di chiunque. Sono grato a Papa Francesco per averci ancora una volta ricordato che la dignità di ognuno di noi non dipende dal funzionamento dei cinque sensi e in particolare per aver ricordato gli “esiliati nascosti” che vivono all’interno delle nostre case e delle nostre famiglie e il pensiero del Santo Padre va ai tanti anziani non autosufficienti e che vengono considerati un peso.

Come Associazione Nazionale Lavoratori Anziani siamo in tutta Italia impegnati ogni giorno per la costruzione di una società che possa includere e non escludere e per creare comunità e dialogo fra le generazioni perché siamo convinti che nello stare insieme i giovani imparano dai più anziani e i più anziani possono ritrovare la speranza. Chiediamo che la odierna Giornata mondiale delle persone con disabilità non sia una vuota ricorrenza ma consenta una maggiore consapevolezza nel riconoscere i diritti spesso negati a queste persone non già nell’astratto ma nella vita di tutti i giorni.

Come presidente ANLA ribadisco l’impegno dell’Associazione a sostegno di persone e famiglie e la volontà di agire per sensibilizzare, a livello istituzionale, il legislatore su tematiche fondamentali come quella che oggi ricordiamo”.

Il presidente nazionale di ANLA Edoardo Patriarca

Il presidente nazionale di ANLA Edoardo Patriarca