Archivio della categoria: scienza

Sensoristica e pandemia

(di prof. Luigi Campanella)  Dinnanzi al covid19 che rallenta ma non si ferma si moltiplicano le iniziative a difesa personale, non tutte scientificamente supportate, ma tutte legate alla speranza di proteggerci dal virus pandemico. La sensoristica ha così trovato un nuovo campo di applicazione che si aggiunge a quelli storicamente più tradizionali, ambiente, alimenti, sicurezza.

Diversi studi si collocano in questa linea di ricerca ed innovazione. Cominciamo da uno studio dell’Università di Città del Messico secondi cui la pandemia si sconfigge a tavola con una dieta ricca di omega 3 e 6 presenti in molti alimenti a base di pesce: ne deriverebbe un effetto antiinfiammatorio che è stato verificato attraverso la risposta di sensori enzimatica ed immunoenzimatico ed un’accresciuta resistenza alla penetrazione del virus nelle nostre cellule. Un’altra proposta riguarda una mascherina innovativa dotata di un sensore che trasmette i dati della respirazione al cellulare e di un filtro che rileva l’inquinamento: dai due dati si ricavano informazioni preziose sul nostro stato di salute. Un cerotto da applicare sotto l’ascella funge da termometro e consente di controllare da remoto la temperatura del corpo: questo sistema è stato messo a punto nell’Università di Tor Vergata. 2 mascherine una Ffp2 sovrapposta ad una chirurgica vengono consigliate dal consigliere di Joe Biden Antony Fauci: la protezione totale risulta aumentata, soprattutto rispetto alle miniparticelle di saliva, monitorate a distanza. L’Universitá della Corea propone un armadio disinfettante per tenere i nostri vestiti sempre privi di carica virale: la capacità disinfettante viene periodicamente testata attraverso un biosensore incorporato. Un italiano, Cosimo Scotucci, ha scoperto una fibra funzionale che ti guida, legata al pavimento, verso percorsi più sanificati.

Continua a leggere