Olio di oliva

(di Roberta Greco) Tutti lo conosciamo, tutti lo usiamo ma una domanda nella vita ce la siamo fatta tutti: cosa sono le olive frutta o verdura? L’oliva è il frutto; di forma ovale divisa in tre parti, una parte più esterna sottile e trasparente detta epicarpo, una parte media polposa detta mesocarpo, ed una parte interna detta endocarpo, comunemente detta nocciolo. Frutto dal quale si estrae un olio  preziosissimo in termini nutrizionali che di cura vera propria. Conosciuto fin dai tempi più antichi: per i Greci l’olio era prezioso. Non solo gli atleti si ungevano d’olio d’oliva prima di combattere corpo a corpo, ma i vincitori delle olimpiadi ricevevano una corona di rami d’ulivo e ottenevano come premio anfore d’olio, oltre alle odi dei poeti e a inestimabile rispetto da parte dei cittadini. Presso i popoli fenici e cretesi, l’olio aveva funzioni iniziatiche ed era soprattutto fonte di luce, non solo in senso metaforico: furono proprio i fenici a diffondere l’uso della lampada a olio.

Omero, nell’Odissea, narra dell’offerta che la dea Atena fece a Ulisse: una fiala di olio di oliva, attraverso cui l’eroe riconquistò vigore e bellezza. Plinio il Vecchio invece dedicò un intero capitolo della sua Naturalis historia all’ulivo e alle sue virtuose proprietà (Cap. XVII).

Il procedimento di raccolta dell’olio passa per fasi delicatissime: dalla sistemazione delle olive in appositi graticci al lavaggio, fino alla spremitura. Dalla prima spremitura provengono i due oli di oliva più pregiati: quello extra vergine d’oliva e quello sopraffino vergine d’oliva. Dalla seconda spremitura delle stesse olive si ottengono l’olio fine vergine d’oliva e l’olio vergine d’oliva. Le fasi dell’estrazione dell’olio sono invece tre: frangitura, gramolatura, estrazione.

L’olio extravergine d’oliva è un prodotto eccezionale. Sono talmente tanti i benefici che ha sulla salute che è difficile conoscerli tutti, Ve ne elenchiamo alcuni:

Valore nutrizionale eccellente L’olio extravergine di oliva contiene vitamine, antiossidanti, fitosteroli e acidi grassi monoinsaturi. Una composizione nutrizionale che lo rende un prodotto di grande importanza per il nostro organismo, ovviamente sempre che sia consumato in piccole dosi.

Previene malattie cardiovascolari Per la sua particolare composizione, in particolare per il contenuto di acidi grassi, è indicato nella prevenzione di malattie cardiovascolari.

Lassativo e antidolorifico Non tutti sanno che quest’olio è anche leggermente lassativo e che per la presenza di oleocantale, ha anche una funzione antinfiammatoria e antidolorifica. In particolare, è efficace in caso di dolori articolari poiché possiede proprietà simili a quelle dell’ibuprofene per alleviare il dolore locale. Applicate uno o due cucchiai d’olio sulla zona colpita e massaggiate fino a quando non si sarà completamente assorbito.

Antiossidante Una delle proprietà principale dell’olio è quella di essere antiossidante, per via dei fenoli e tocoferoli che contiene, in grado di agire contrastare efficacemente i radicali liberi.

Aiuta a restare in forma Potrà sembrare strano, ma quest’olio contribuisce a mantenere il peso forma dal momento che fa avvertire prima il senso di sazietà, gli acidi grassi che contiene stimolano il metabolismo, e come già detto aiuta laregolarità intestinale.

Amico del cervello L’olio d’oliva contribuisce a ritardare il deterioramento mentale e dunque a tenere alla larga malattie neurologiche come l’Alzheimer.

Anticancro Degli studi recenti hanno messo in evidenza come le persone che consumano regolarmente dell’olio extravergine d’oliva sono hanno meno probabilità di sviluppare il cancro, questo per via del fatto che contiene acido oleico, antiossidanti, flavonoidi, polifenoli e squalene.

Contro il diabete Gli acidi grassi dell’olio extravergine d’oliva, contribuiscono a regolare i livelli di zucchero nel sangue, la produzione di insulina e dunque si tratta di un alleato contro il diabete.

Abbassa la pressione Consumato con moderazione, l’olio è utile per tenere la pressione arteriosa sotto controllo.

Alleato contro il colesterolo L’olio extravergine d’oliva contribuisce a regolarizzare il livello di colesterolo nel sangue, aumentando il livello di quello buono e favorendo l’eliminazione di quello cattivo.

I benefici dell’olio d’oliva si estendono alla bellezza di capelli e pelle; sotto forma di impacco rende più lucidi e nutriti i capelli, combattendo l’effetto crespo, un altro modo per sfruttare la natura idratante dell’olio d’oliva è aggiungerne alcuni cucchiai allo shampoo. Riduce la forfora se applicato sul cuoio capelluto e lasciarlo riposare per un’ora o durante la notte usando una cuffia per la doccia, infine risciacquare.

Idrata la pelle e previene la formazione delle rughe. E’ utile in caso di dermatiti, brufoli e altri problemi della pelle. Oltre al massaggio sulla pelle bagnata, un altro modo per far assorbire più velocemente l’olio d’oliva limitando la sensazione di unto è quello di unirlo alla crema o lozione corpo preferita, mescolandolo al momento nel palmo della mano prima di applicarlo sulla pelle del corpo.

Un rimedio fatto in casa per labbra secche e screpolate quando non si ha il burrocacao? Si può fare un semplice scrub per le labbra miscelando olio d’oliva, zucchero e miele. Questa combinazione elimina la pelle morta mentre leviga e illumina le labbra.

Struccante naturale L’olio d’oliva non ostruisce i pori. Inoltre, è ottimo per rimuovere il mascara waterproof senza irritare gli occhi.

Consigli sulla conservazione L’olio extra vergine di oliva deve essere conservato in contenitori di vetro ben chiusi lontano da fonti di luce e di calore. Come tutti i prodotti alimentari va consumato entro la scadenza consigliata, il superamento della data di preferibile consumo non comporta danni per la salute ma il prodotto perde aroma e può irrancidire.

Consigli sull’impiego

Che sia armonioso, fruttato, caratterizzato da sentori di mandorla, carciofo e frutta matura, l’olio si sposa benissimo con insalate, zuppe, minestre, ribollita toscana, panzanella e tantissimi primi o secondi. L’olio extravergine d’oliva è sempre da preferire in tutte le preparazioni a caldo, inclusa la frittura, perché è più resistente alle alte temperature e più ricco di antiossidanti.

Può accadere che sul fondo della bottiglia si depositino frammenti di frutto inizialmente in sospensione, fenomeno tipico del prodotto non filtrato. In questo caso si consiglia di travasarlo perché i frammenti di olive, che pure lo arricchiscono di gusto e aroma, possono fermentare e alterare le caratteristiche organolettiche. A differenza di quanto accade per il vino che può godere dell’invecchiamento, l’olio extravergine di oliva è preferibile nuovo perché il tempo gioca a sfavore delle proprietà.