Buon compleanno Europa!

Il 9 maggio non è una data banale… è di fatto il “compleanno” dell’Europa. In questo giorno, nel 1950,l’allora ministro degli Esteri francese Robert Schuman rilasciò una dichiarazione nella quale  proponeva la creazione di una Comunità europea del carbone e dell’acciaio per mettere in comune risorse e prodotti. La CECA  i cui paesi fondatori furono: Francia, Germania Ovest, Italia, Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo, è stata la prima di una serie di istituzioni europee sovranazionali che avrebbero condotto a quella che si chiama oggi “Unione europea“.

Questo fatto ci può ricordare alcune cose. In primo luogo che il nostro Paese fu tra coloro che più si adoperarono per un’unione internazionale di stati: il dolorosissimo periodo di guerra ci aveva spinto a cercare con ogni forza la pace e che siamo stati fra i fondatori dell’Europa. In secondo luogo, ci rammenta che alla base di un primo “convenire” di uomini e nazioni possono esserci anche motivi economici ma non possono essere questi i soli elementi fondanti: un’unione basata solo sulla moneta risulta sterile. In terzo luogo, ci spinge a pensare oltre i nostri interessi particolari, che dobbiamo però noi per primi difendere e presidiare perché non possiamo delegare ad altri la cura dei nostri interessi. Dobbiamo tornare a pensare alto, comprendendo che l’autoreferenzialità non paga più, in Europa come in Italia come in ogni forma associativa.

Antonello Sacchi

Qui puoi consultare il testo della Dichiarazione Schuman

Bandiera dell'Unione Europea

Bandiera dell’Unione Europea

 

 

Trasporto persone in attesa di dialisi: a Bologna riparte il servizio

Si è svolto a Bologna nei primi giorni di maggio l’incontro con i tanti volontari che per anni hanno impegnato tempo, energia e passione al servizio del trasporto di persone in attesa di dialisi dall’abitazione all’ospedale e viceversa. (Qui potete vedere un articolo di repertorio sulla loro attività).

Il servizio, rinnovato nei mezzi, ripartirà con nuove modalità: grazie a tutti gli amici di Bologna che desiderano mettere al servizio dei più deboli il proprio tempo libero, le proprie energie, il proprio cuore. Grazie a Tiziana Marchetti e a Adriano Ghelfi che con tanta passione hanno organizzato l’incontro e seguono il progetto.

ANLA onlus, per fare bene il bene!

Incontro di Bologna

Incontro di Bologna

Incontro di Bologna

Incontro di Bologna

 

 

Generatrice di miracoli

Segnalazione di ANLA Toscana:

“La generatrice di miracoli” Venerdì 25 maggio alle ore 21 andrà in scena sul palco del Cinema Teatro La Compagnia (Via Cavour 50/R).  Beneficiaria dell’intero ricavato della serata sarà Voa Voa Onlus   Amici di Sofia. Tratto dall’omonimo romanzo di Caterina Ceccuti (Pagliai Editore, 2014), che ha ricevuto il Fiorino d’oro per la narrativa alla XXXIII edizione del Premio Firenze. Ingresso su donazione minima     di 12 euro. I biglietti sono disponibili presso la segreteria di Voa Voa Onlus Amici di Sofia chiamando il numero 338.4344618, oppure attraverso il sistema di prevendita online messo a disposizione dal Cinema     La Compagnia (www.cinemalacompagnia.it) o ancora presso la biglietteria stessa del teatro a partire da mercoledì 25 aprile 2018.

Generatrice di miracoli

Generatrice di miracoli

Una poesia per la vita

La manifestazione, giunta alla XVIII edizione, è organizzata da ANLA Toscana.

ANLA Onlus ha come obiettivo primario la tutela della dignità dei Seniores che
sentono ancora vivo il desiderio di aiutare il nostro Paese con le proprie forze, competenze ed esperienze in questi drammatici frangenti segnati dalla crisi del lavoro, intendendo così contribuire alla costruzione del bene comune, che altro non è che la vita dei propri figli e nipoti. ANLA Onlus favorisce la socializzazione e l’aggregazione dei cittadini e opera per rafforzare i rapporti intergenerazionali, anche con numerose proposte ed iniziative di carattere culturale
come – a livello della regione Toscana- il concorso letterario “Una poesia per la vita”.

Questo premio, la cui prima edizione risale al 2001, è tuttora capace di trasmettere sentimenti profondi e forti emozioni e costituisce un prestigioso e atteso appuntamento che, in occasione della cerimonia di premiazione del concorso, accoglie poeti e pubblico nella magica atmosfera della Sala delle Feste dello storico Palazzo Bastogi di Firenze.

Una poesia per la vita

Una poesia per la vita

ANLA Onlus al Quirinale

Il 1 maggio ANLA Onlus, come ogni anno, ha avuto l’onore di aprire, con il saluto al Capo dello Stato, la Festa del Lavoro al Quirinale.

Cliccando qui potete rivedere la diretta trasmessa da Rai1 (attenzione: per vedere il video è necessario registrarsi sul sito della RAI)

La Festa del Lavoro 2018, nell’ambito della quale il nostro Vice presidente nazionale vicario Vincenzo D’Angelo ha incontrato il Presidente della Repubblica, è stata anche occasione per incontrare le Istituzioni: nella foto l’incontro con il ministro del Lavoro Giuliano Poletti.

Nel prossimo numero di Esperienza in distribuzione da fine maggio potrete leggere un ampio resoconto della giornata.

Il ministro Poletti con il vice presidente D'Angelo

Il ministro Poletti con il vice presidente D’Angelo

 

 

 

Dati Istat: Poletti, si conferma il consolidamento del mercato del lavoro; positivi i dati sui giovani

Dati Istat: Poletti, si conferma il consolidamento del mercato del lavoro; positivi i dati sui giovani

 

Roma, 2 maggio 2018 – Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, ha rilasciato il seguente commento sui dati Istat relativi ad occupati e disoccupati di marzo 2018:

“I dati Istat di marzo, che registrano un aumento di 190mila occupati su base annua, confermano il consolidamento positivo dell’assetto del mercato del lavoro italiano, in corso da diversi trimestri.

Il numero degli occupati, pari a 23 milioni 134mila, e il tasso di occupazione, al 58,3%, si collocano ai livelli più alti dalla seconda metà del 2008 che segnò l’inizio della grande crisi.

Positivi, in particolare, i dati relativi all’occupazione giovanile, per la quale si registra sia un aumento del numero degli occupati sia una diminuzione del tasso di disoccupazione che, pur restando certamente ancora troppo alto, si attesta ai livelli minimi da dicembre 2011”.

Nell’orto e nel giardino nel mese di maggio

I consigli dell’Almanacco Barbanera per il mese di maggio

NELL’ORTO

Con l’aiuto della Luna crescente è il momento di seminare pomodoro, zucca, zucchina, anguria, cetriolo, melone, fagiolo, fagiolino, crescione, maggiorana, basilico, prezzemolo. È inoltre tempo di trapiantare peperoni, melanzane, sedano. Volendo, ci si potrà anche dedicare all’autoproduzione delle piantine in casa, da seminare in piccole contenitori, ad esempio nel vasetto dello yogurt. Quando avranno sviluppato la seconda serie di foglie, spostarle in un contenitore più grande o, se il clima lo permette, procedere con la messa a dimora nell’orto. Raccogliere le fragole. In Luna calante seminare lattuga, sedano, indivia riccia, scarola, porro, rapa, bietola da coste. Utilizzare i macerati di ortica come trattamenti curativi su ortaggi e piante da frutto.

NEL GIARDINO

Seminare a dimora, con la Luna crescente, primule, dianthus, campanule, fiordalisi e garofani. Mettere inoltre a dimora gerani, dalie, tuberose e piantine di borragine e maggiorana. In Luna calante prestare molta attenzione alle rose: eliminare i rami non da fiore, eseguire la potatura di ringiovanimento e concimare il terreno con compost e concimi liquidi. Tenere inoltre sotto controllo attacchi di afidi con metodi biologici come la coccinella, o con nebulizzazioni di macerati di ortica. Potare le erbacee perenni e gli arbusti che hanno fiorito, per conferire loro un rinnovato vigore. Iniziare ad eliminare i boccioli sfioriti della rosa per favorire la nuova produzione di fiori. Concimare il prato.

Aromatiche in vaso

C’è il classico vaso di basilico, ma ci sono anche tutte le altre piante amiche pronte a darci una mano in cucina o per i piccoli mali di stagione. Sul davanzale della cucina, in un angolo del balcone o nel piccolo giardino, le piante aromatiche uniscono l’utile al dilettevole. Anche in vaso danno infatti ottimi risultati, offrendo fiori e foglie per i più diversi usi. Pochi semplici consigli renderanno “la raccolta” soddisfacente. Assicurarsi che i vasi abbiano almeno un foro di drenaggio e collocare sul fondo uno strato di piccoli ciottoli. La gran parte delle aromatiche ha bisogno di almeno 20 cm di profondità per crescere, mentre le più alte, come il finocchio necessitano di almeno 30 cm. Inoltre erbe come la menta, la melissa e il rosmarino, chiedono di essere piantate da sole, mentre salvia, timo e origano possono convivere nello stesso vaso.

BENESSERE CON LA NATURA

Equilibrio di corpo e mente: il marrubio

Della grande famiglia delle labiate, il marrubio, Marrubium vulgare, è diffusissimo nel bacino del Mediterraneo. Con le radici trova nutrimento anche nei terreni più incolti e assolati. Ha foglie coperte da peluria, mentre i fiori avvolgono gli steli come morbidi cuscini. Noto già nell’antichità per le sue proprietà balsamiche, espettoranti, digestive, febbrifughe, il marrubio si fa amare anche per la sua capacità di favorire il ritmo che comprende cuore, circolazione, respirazione. Per questo è un utile aiuto per chi soffre di palpitazioni di origine nervosa, tachicardia, ansia, e nella cura dell’asma. Un bagno con l’aggiunta del suo infuso aiuta ad allentare la tensione, allevia spasmi mestruali e contrazioni. Sciroppo, infuso e tintura sono usati nella tosse e nell’influenza. È un ottimo amaro tonico ed ha un’azione benefica su stomaco, cistifellea e fegato. Con l’infuso si sciacquano ferite e abrasioni per favorire la cicatrizzazione.

DICE IL PROVERBIO…

Fave in fiore, acqua a rumore

“A san Bernardino lassa stà i sparg e mangia i passarin” cioè per san Bernardino, (20 maggio) lascia stare gli asparagi e mangia i passerini con la polenta, si raccomandava un tempo a Milano, perché il loro momento d’oro è ormai passato. Cominciano a formarsi invece i baccelli delle fave, primo ortaggio di primavera: “A sante Livardine vunghile chine chine, si li vunguli ssò bacante, sante Livardine non è sante” si dice in Irpinia dove le fave si raccolgono a maggio. In Sicilia invece le prime maturano in aprile e si mangiano crude con pane e cacio pecorino, mentre a maggio sono abbastanza grandi da poter essere cucinate: “Aprili favi chini, ‘ntra maiu li cucini”. Le fave necessitano di fresco e di un poco di pioggia, tant’è che si dice: “Fava e mela coll’acqua allega”. Hanno cioè bisogno di acqua nel passaggio dal fiore al frutto. In Umbria, addirittura: “Fave in fiore, acqua a rumore”.

ASTRONOMIA

Le stagioni di Marte

Ebbene sì, anche Marte, il bellicoso Marte ha le sue stagioni. Analoghe quelle terrestri, durano però il doppio. Questo perché il cosiddetto pianeta rosso ruota sul proprio asse in poco più di 24 ore e descrive la sua orbita intorno al Sole in poco meno di due anni. Ma le analogie con la Terra non si fermano qui, perché l’inclinazione dell’asse di rotazione sul piano dell’orbita, che è di 23 gradi e mezzo per la Terra, per Marte è di circa 24 gradi. Tutto questo significa che per un ipotetico marziano il giorno dura all’incirca quanto un giorno terrestre e le stagioni si presentano con 1e stesse caratteristiche che hanno da noi, a parte la durata. Essendo, infatti, il periodo orbitale di Marte più lungo, anche le stagioni durano di più: in media 170 giorni, anziché i 90 giorni che rappresentano la durata media delle nostre stagioni.

Hanno detto…

E ogni pausa è cielo in cui mi perdo, serenità d’alberi a chiaro della notte (Salvatore Quasimodo)

 

 

1° maggio: Poletti, un pensiero commosso alle vittime degli incidenti e alle loro famiglie

In occasione della Festa del lavoro, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Auguro un buon primo maggio a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori. In questa occasione, dove si riafferma il valore centrale del lavoro come elemento costitutivo dell’identità delle persone e motore di progresso sociale, un pensiero commosso va alle vittime degli incidenti sul lavoro e alle loro famiglie. I drammatici episodi che si sono verificati in questi primi mesi dell’anno, hanno purtroppo confermato la necessità di un’attenzione sempre alta sul tema della sicurezza sul lavoro, che le organizzazioni sindacali hanno giustamente deciso di porre al centro della ricorrenza di quest’anno. A questo proposito, voglio ricordare, ancora una volta, che nelle ultime settimane abbiamo avviato un confronto con le parti sociali e con le Regioni per individuare linee di azione condivise che permettano di rafforzare gli strumenti per la prevenzione dei rischi e l’aumento della sicurezza e di migliorare l’efficacia dei controlli per assicurare il rispetto e la concreta applicazione delle normative. Obiettivi che richiedono un coinvolgimento attivo di tutti i soggetti interessati, che potrà trovare un primo avvio concreto nella Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro che riprenderà la sua attività il 3 maggio. Promuovere ed affermare una vera cultura della legalità, della prevenzione e della sicurezza è un passaggio indispensabile nel percorso di miglioramento del mercato del lavoro che abbiamo avviato in questi anni con l’obiettivo di renderlo più efficiente e, al contempo, più equo e inclusivo. Un percorso che ha portato a raggiungere alcuni, primi risultati positivi. Gli ultimi dati ISTAT segnalano come il tasso di disoccupazione sia sceso al 10,9%, ai minimi dall’agosto 2012, e come prosegua, quindi, il percorso di stabilizzazione del mercato del lavoro, che dalla metà dello scorso anno vede un numero complessivo di occupati costantemente superiore ai 23 milioni. Significativo, anche se ancora distante dai migliori standard europei, è il dato relativo all’occupazione femminile, il più alto di sempre, che è frutto anche del potenziamento e dell’estensione delle misure per la conciliazione dei tempi di lavoro e di cure familiari. Sul fronte dei giovani, abbiamo adottato misure che, pur con grandi difficoltà iniziali, hanno visto scendere il tasso di abbandono scolastico e aumentare in modo considerevole le assunzioni incentivate, facendo diminuire la percentuale dei Neet. Ma non c’è dubbio che il tasso di disoccupazione giovanile, pure diminuito di più di 10 punti in questi ultimi anni, sia ancora troppo elevato e che siano necessari ulteriori sforzi per aggredirlo. Dovranno, ad esempio, essere potenziate le azioni per la crescita professionale, in particolare l’apprendistato e l’alternanza scuola-lavoro; dovrà essere consolidato il dialogo tra le Amministrazioni centrali, le Regioni e gli altri soggetti coinvolti, per realizzare sull’intero territorio nazionale un sistema moderno che assicuri pari servizi e opportunità occupazionali. In tal senso, il programma Garanzia Giovani, con i nuovi finanziamenti comunitari e nazionali, potrà avviare una nuova fase, per diventare a pieno un efficace strumento di accompagnamento dei giovani verso il mondo del lavoro.

Nella consapevolezza che uno sviluppo consistente dell’occupazione è, essenzialmente, il prodotto della crescita dell’economia e degli investimenti pubblici e privati, è evidente che, al di là dell’impegno assicurato in questi anni, resta ancora molto da fare per raggiungere questo obiettivo.

L’auspicio è che il lavoro sin qui svolto non venga disperso e possa essere, invece, utile per ulteriori e positivi sviluppi”.

Il ministro del lavoro Giuliano Poletti

Il ministro del lavoro Giuliano Poletti (fonte Ministero del Lavoro)

Festa del Lavoro 2018

Martedì prossimo, 1 maggio, si celebra la Festa del Lavoro 2018. Si tratta di un appuntamento importante, che va oltre ogni possibile retorica, perché il lavoro è veramente la chiave di volta del nostro essere in società. Senza lavoro tutto è precluso, dalla possibilità di crearsi una famiglia o di mantenerla, senza lavoro la persona finisce con il perdere il proprio ruolo, finisce con il perdere la propria dignità. Con forza sottolineiamo quanto leggiamo nella Costituzione all’art.1: L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
In tutta Italia la Festa del Lavoro vedrà la consegna delle insegne ai neo Maestri del Lavoro, a cui facciamo le nostre congratulazioni per la prestigiosa onorificenza. Anla Onlus sarà presente con propri rappresentanti a cominciare dal Quirinale dove il nostro Vice Presidente Vicario Vincenzo D’Angelo prenderà la parola al cospetto del Capo dello Stato: la partecipazione di ANLA Onlus alla Festa del Lavoro e alla cerimonia in onore dei neo Maestri del Lavoro è non complementare bensì organica e non solo in virtù di una legge, la n. 143 del 5 febbraio 1992, che ci lega alle modalità con cui sono scelti i neo Maestri del Lavoro, quanto soprattutto per l’essere noi e con orgoglio “lavoratori anziani”, cioè uomini e donne che hanno contributo con il proprio lavoro allo sviluppo economico e alla crescita morale del nostro Paese.
Saremo presenti alle varie cerimonie sul territorio e ricorderemo le parole del presidente Mattarella pronunciate nel messaggio agli italiani del 31 dicembre 2017: “il lavoro resta la prima, e la più grave, questione sociale. Anzitutto per i giovani”. Anche nel mondo del lavoro rimane centrale il dialogo fra le generazioni e i valori che più anziani possono trasmettere ai più giovani. Ricorderemo anche il fatto che ANLA Onlus è concretamente impegnata in tutto il territorio nazionale in azioni di volontariato tese a promuovere il welfare locale, a costruire il Bene Comune che altro non è che la vita dei nostri figli e dei nostri nipoti. Con questo spirito compiamo un comune cammino con altre sette associazioni affini unite nel “Patto federativo a tutela degli anziani”: ultima iniziativa effettuata in ordine di tempo, il 20 marzo scorso a Roma, è stato il convegno sul ruolo dei nonni nella società italiana, un ruolo prezioso e insostituibile. In questa prospettiva di concreto impegno in favore della collettività, ANLA Onlus, seriamente preoccupata per l’invecchiamento demografico del Paese, chiede a più livelli una nuova attenzione alle politiche familiari, alla sicurezza della vita sociale, una promozione della natalità e della cultura della vita.
Potremo seguire la Festa del Lavoro 2018 al Quirinale, ascoltare l’intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il saluto introduttivo del nostro Vice Presidente Vicario Vincenzo D’Angelo seguendo in televisione la diretta di RAI1 a partire dalle 10.55

Mattarella e Napolitano durante la Festa del Lavoro 2017

Mattarella e Napolitano durante la Festa del Lavoro 2017 – Fonte www.quirinale.it