Archivio tag: anla toscana

Premiazione del Concorso Letterario Nazionale

(di Fiorenza Ciullini, presidente regionale Anla Toscana) Siamo lieti di informarvi che la premiazione del Concorso Letterario nazionale “la penna racconta” II.a edizione, si svolgerà a Firenze venerdì 2 ottobre alle ore 16,30 presso l’Auditorium al Duomo in via Cerretani 54r.  Il luogo da noi scelto per la manifestazione, si trova nello splendido palcoscenico di un Teatro che ben si presta alla premiazione che sarà preceduta da uno spettacolo che sarà allestito dalla Compagnia Teatri d’imbarco per una suggestiva rappresentazione a difesa dei diritti umani degli anziani. Questo sarà un vero gioiello che, per il 2 ottobre Festa dei Nonni, darà un valore aggiunto a tutto quello che è stato presentato nei loro racconti, dagli scrittori che hanno partecipato al Concorso.

Bando del Concorso nazionale

Bando del Concorso nazionale

 

Al termine della serata non mancherà un drink per poterci scambiare un caro saluto e festeggiare i premiati e tutti coloro che hanno partecipato al Concorso inviando i loro racconti.  L’ingresso e’ libero ma per motivi di sicurezza potra’ contenere  un massimo di 100 posti. Vi aspettiamo numerosi!

 

Saranno presenti:

  • Rappresentanti delle Istituzioni, Personalità della Cultura Fiorentina
  • La Presidente della Giuria Lucia Bruni
  • il Presidente Nazionale ANLA Edoardo Patriarca
  • il Presidente Regione Toscana ANLA Fiorenza Ciullini
  • Il Direttore del giornale Esperienza Antonello Sacchi

Inoltre, chi avesse necessità di pernottare a Firenze, potrà contattare Hotel Laurus**** (accanto all’Auditorium) chiamando il n. 055238175 e segnalando di essere di ANLA TOSCANA. Il prezzo a noi riservato è di 98,00 € per la camera doppia, incluso colazione e 88,00 € per la camera singola sempre colazione inclusa.

“… E passavano i giorni… “Questo l’incipit del 2° Concorso letterario ANLA Nazionale. E non poteva essere diversamente dato il periodo straordinario che stiamo vivendo, … e passavano i giorni … in attesa di una soluzione che richiede tempi di ricerca e di sperimentazione che non sono così imminenti. Pensiamo ai nostri anziani che ci hanno lasciato ma anche a quelli che vivono in solitudine un periodo storico che mai come ora, è così pieno di incertezze. Ecco perché, nonostante le difficoltà, la Premiazione abbiamo voluto fortemente mantenerla per il 2 ottobre, per dare un profondo significato ai nonni, ai così detti diversamente giovani, coloro che sono ancora  oggi la linfa vitale della nostra società. Tutti noi di Anla, in tutta Italia, cerchiamo di fare qualcosa per alleviare le sofferenze e per dare un significato più profondo alla nostra quotidianità, chi nel campo sanitario, chi nel sociale, chi mette a disposizione risorse per sostenere coloro  che hanno problemi di salute e chi cerca di donare un momento di leggerezza, come la piuma che si alza con il vento  nel film Forrest Gump… Abbiamo bisogno anche di questo! E quindi eccoci qui, per un momento di leggerezza, così ben rappresentato dal Concorso letterario che ha voluto raccogliere tutto quello che un pensiero, un ricordo, un flash potranno donare a chi si ferma a riflettere. Eccoci qui anche con una rappresentazione teatrale che, armoniosamente con il contesto, sarà l’attimo più rappresentativo della nostra Manifestazione, artisti che girano l’Europa portando un messaggio di leggerezza ma anche di profonda attenzione verso una generazione molte volte dimenticata. Non ci resta che aspettarvi tutti a Firenze il 2 ottobre e, approfitto di questo spazio per rivolgere un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato, sono tanti e da tutta Italia e anche se soltanto uno come da regolamento, sarà il vincitore  Vorremmo premiarVi tutti per la sensibilità, la poesia ed il cuore che ci avete messo. Un sentito grazie anche alla giuria per l’impegno e la disponibilità.

VI ASPETTIAMO!

Palazzo Vecchio a Firenze

Il prof. Federico Napoli, storico dell’arte, racconta in questo video storia e aneddoti di  Palazzo Vecchio di Firenze, che da 700 anni ospita il governo della città. Arnolfo di Cambio ne fu l’architetto: ebbe un’indicazione precisa da parte della Repubblica, non costruire su terra ghibellina. Venne costruito per ospitare i priori, che ogni due mesi ruotavano, e venne chiamato all’inizio Palazzo dei Priori. Cambiato il governo, venne chiamato Palazzo della Signoria, quando Cosimo dei Medici e la moglie Eleonora, entrambi duchi, vi si trasferirono venne chiamato Palazzo Ducale, quando poi gli stessi andarono a abitare nell’attuale Palazzo Pitti, il palazzo appena lasciato divenne finalmente Palazzo Vecchio.

Ponte Vecchio a Firenze

Il Ponte più antico di Firenze, Vecchio perché esisteva già in epoca romana, anche molte volte abbattuto e ricostruito, sostanzialmente sempre ricostruito nel punto del guado, dove le rive dell’Arno sono più vicine. Il 1333 è una data importante per Ponte Vecchio: una straordinaria piena del fiume travolse tutto e la Repubblica decise di costruire un nuovo ponte in muratura, poco più a valle e nel 1345 dette incarico a un architetto per la sua realizzazione. Secondo il Vasari fu Taddeo Gaddi, allievo di Giotto a avere questo incarico, altri sostengono sia stato Neri di Fioravante, capo mastro della Repubblica. Il ponte è strutturato su tre arcate, per offrire meno ostacolo alle piene ed era fortificato perché era l’unico ponte che dava accesso al centro della città. Il 1563 fu realizzato il Corridoio Vasariano e in quegli anni  fu fatta l’inventario delle attività commerciali, in tutto 43, fra cui una trattoria forse erede di quelle trattoria che si dice lo stesso Leonardo avesse aperto sul Ponte. Dal 1594 orafi e Ponte Vecchio costituiscono un binomio indissolubile.  Ripercorriamo ora queste vicende storiche nel racconto del prof. Federico Napoli, storico dell’arte.

Viaggio nell’arte: la cupola del Brunelleschi

La “cupola delle meraviglie”, cioè la cupola del Duomo di Firenze, ancora oggi una delle più grandi costruzioni in muratura esistenti al mondo. Un viaggio nella storia dell’opera costruita “senza centine” cioè senza supporti di sostegno da parte di Filippo Brunelleschi attraverso aneddoti e curiosità narrati da Federico Napoli, storico dell’arte.

Le Marche, terra di Raffaello

Il 2020 è l’anno di Raffaello, nato a Urbino il 6 aprile 1483 e morto a Roma cinquecento anni fa.  Urbino, Loreto con la Sacra Casa, Fabriano con la produzione della carta, Recanati con Giacomo Leopardi, Pergolesi e Rossini, Renata Tebaldi, Gradara con la rocca di Paolo e Francesca… le Marche sono luogo di bellezza artistica e di natura. Seguiamo il racconto del prof. Federico Napoli, Storico dell’Arte. Raffaello e le Marche sono un binomio di grazia e armonia.

Visita virtuale a Firenze

Anla Toscana offre una visita virtuale della Firenze medievale dal titolo “Il porto fluviale di Firenze”, magistralmente tenuta dal Prof. Federico Napoli, storico dell’arte e scrittore, vincitore del premio giornalistico Versilia nel 1996 e nel 1997, che ringraziamo per il pensiero che ha avuto verso i tesserati  Anla.

Con ANLA Toscana dal Belgio all’Olanda

Con ANLA Toscana è possibile partecipare all’iniziativa “In viaggio nel nord Europa – Dal Belgio all’Olanda” in programma dal 12 al 17 aprile p.v.

Dai luoghi del potere politico europeo e non solo, attraverso suggestivi panorami, per arrivare  alla romantica Amsterdam, un insieme di immagini contrastanti  che renderanno unico ed indimenticabile questo viaggio!

In sintesi il Programma del viaggio prevede:
1° giorno: Venerdì 12 aprile Firenze – Bruxelles (POSSIBILITA’ DI PARTIRE E RIENTRARE DA ALTRI AEROPORTI)
2° giorno:  Sabato 13 aprile Bruxelles – Gand (57 Km) – Bruges (47 Km)
3° giorno: Domenica 14 aprile Bruxelles – Anversa (55 Km) – Rotterdam (107 Km) – Amsterdam (80 Km)
4° giorno: Lunedì 15 Aprile Amsterdam
5° giorno: Martedì 16 Aprile  Amsterdam – Volendam (20 Km) – Zaanse Schans (25 Km) – Diga Afsluitdijk, (88 Km)
6° giorno: Mercoledì 17 Amsterdam – Firenze

Per scaricare il programma completo del viaggio cliccate qui

Per maggiori informazioni è necessario contattare ANLA Onlus – Consiglio regionale Toscana, Via dei Neri, 27 – Firenze – Tel. 055 2302590    e-mail sederegionaletoscana@anla.it

Generatrice di miracoli

Segnalazione di ANLA Toscana:

“La generatrice di miracoli” Venerdì 25 maggio alle ore 21 andrà in scena sul palco del Cinema Teatro La Compagnia (Via Cavour 50/R).  Beneficiaria dell’intero ricavato della serata sarà Voa Voa Onlus   Amici di Sofia. Tratto dall’omonimo romanzo di Caterina Ceccuti (Pagliai Editore, 2014), che ha ricevuto il Fiorino d’oro per la narrativa alla XXXIII edizione del Premio Firenze. Ingresso su donazione minima     di 12 euro. I biglietti sono disponibili presso la segreteria di Voa Voa Onlus Amici di Sofia chiamando il numero 338.4344618, oppure attraverso il sistema di prevendita online messo a disposizione dal Cinema     La Compagnia (www.cinemalacompagnia.it) o ancora presso la biglietteria stessa del teatro a partire da mercoledì 25 aprile 2018.

Generatrice di miracoli

Generatrice di miracoli

Una poesia per la vita

La manifestazione, giunta alla XVIII edizione, è organizzata da ANLA Toscana.

ANLA Onlus ha come obiettivo primario la tutela della dignità dei Seniores che
sentono ancora vivo il desiderio di aiutare il nostro Paese con le proprie forze, competenze ed esperienze in questi drammatici frangenti segnati dalla crisi del lavoro, intendendo così contribuire alla costruzione del bene comune, che altro non è che la vita dei propri figli e nipoti. ANLA Onlus favorisce la socializzazione e l’aggregazione dei cittadini e opera per rafforzare i rapporti intergenerazionali, anche con numerose proposte ed iniziative di carattere culturale
come – a livello della regione Toscana- il concorso letterario “Una poesia per la vita”.

Questo premio, la cui prima edizione risale al 2001, è tuttora capace di trasmettere sentimenti profondi e forti emozioni e costituisce un prestigioso e atteso appuntamento che, in occasione della cerimonia di premiazione del concorso, accoglie poeti e pubblico nella magica atmosfera della Sala delle Feste dello storico Palazzo Bastogi di Firenze.

Una poesia per la vita

Una poesia per la vita