Archivio tag: dialisi

Il volontariato non si ferma

(di Tiziana Marchetti). Sono Tiziana, come già sapete faccio parte di un gruppo di volontari, che coordino e che si occupa del trasporto dei dializzati. Si tratta di persone sofferenti, che assolutamente non possono rimanere a casa e per forza devono sottoporsi al trattamento in media tre volte alla settimana, pena la vita. Si sa questo è un momento difficile, c’è un’epidemia in atto, le persone sono allarmate, c’è un’immensa paura del contagio e ci si chiede se bisogna rimanere a casa, oppure stare al fianco degli ammalati che trasportiamo durante tutta la settimana, persone non autonome, persone di una certa età, a volte anche sole. La scelta non è facile, continuare comporta rischi, ma ci si mette anche una mano sul cuore, pensando che il servizio sanitario è al collasso, che medici, infermieri, operatori sono stanchi, esausti, stanno facendo tutti la loro parte e si sa che hanno bisogno di aiuto e allora???…. si continua, cercando di avere una maggiore attenzione, di seguire le regole: mascherine, guanti e poi noi non siamo soli, collaboriamo con l’Ausl e la centrale operativa del 118, che sono a nostra disposizione per mezzi cautelativi e consigli.

ANLA, volontari a Bologna

ANLA, volontari a Bologna

Mai, come in questo periodo mi sono sentita utile, cerco anche di trasmettere sicurezza agli altri volontari, ma, perdurando questa epidemia, il clima non è sereno e nelle varie incertezze ci sono anche le paure dei familiari, che sono preoccupati e sconsigliano vivamente i volontari di continuare il servizio.

Andando avanti la realtà di un probabile contagio prende sempre più forma, ma davanti ai miei occhi ci sono quegli ammalati che trasportiamo quotidianamente e non posso, non me la sento di abbandonarli, so che il tempo da noi dedicato a loro, per una struttura sanitaria, sarebbe un grosso ulteriore problema, probabilmente ingestibile in questo periodo. Quindi con coraggio si va avanti, sopperendo anche a quei turni, per i quali  alcuni volontari hanno deciso di non prestare più il servizio.

Il nostro gruppo è formato per lo più da persone grandi di età, persone maggiormente sottoposte al contagio con grossi rischi di guarigione, ma il mio amico Gabriele, 90 anni, mi insegna, questa la sua risposta ad una mia telefonata: “ Cara Tiziana mi spieghi perché non vuoi che faccia il servizio? Sei molto gentile, ma io ho preso un impegno e lo porterò a termine, io voglio fare il mio servizio”. Ecco di fronte a tanta grandezza d’animo, tutti i dubbi se ne vanno e si continua domani, dopodomani e poi……andrà tutto bene.

p.s. Tengo a precisare che il trasporto dei dializzati in questo momento è volontariato autorizzato per mancanza di personale e mezzi nelle strutture ospedaliere. È una situazione difficile anche per i volontari che cominciano ad avere incertezze se continuare o meno il servizio per paura del contagio, ebbene in tutto questo una luce: una persona che non conoscevo mi ha telefonato dicendomi che si rendeva conto del disagio e si candidava come aspirante volontario. Da oggi ha iniziato ad aiutarci. La Divina Provvidenza?

ANLA a Uno Mattina

Il presidente nazionale Edoardo Patriarca è intervenuto questa mattina a Uno Mattina, il popolare e seguitissimo contenitore del mattino di Rai1, per parlare della nostra Associazione.

ANLA ospite di Uno MattinaANLA ospite di Uno Mattina

ANLA ospite di Uno Mattina

Il presidente Patriarca, ricordando il duplice tema del mandato associativo, imprese socialmente responsabili e volontariato, ha presentato la nostra Associazione e ha invitato ad avere tutti un pensiero e una particolare attenzione verso gli anziani in questo periodo così delicato e complesso dal punto di vista sanitario ed emotivo. Hanno accompagnato il presidente Patriarca due volontari ANLA dell’Emilia Romagna: il presidente regionale Tiziana Marchetti e Adriano Ghelfi.
Chi desiderasse rivedere la trasmissione può farlo raggiungendo il sito web di Uno Mattina su Rai Play, accessibile previa registrazione al sito Rai, scegliendo la puntata del 25 febbraio e spostandosi all’orario delle 08.50 (-32.56 minuti alla fine del video).

Intervento del Presidente nazionale sen. Edoardo Patriarca

Il presidente di ANLA sen. Edoardo Patriarca commenta l’incontro con il Gruppo ANLA Dialisi BOLOGNA avvenuto nella Casa della Solidarietà “A. Dubcek” (ex Succursale ITCS “G. Salvemini”) a Casalecchio di Reno (BO) presente il sindaco Massimo Bosso. In sintesi: per vivere una vita felice, utile e importante nonostante l’età, la chiave di svolta è fare qualcosa per gli altri, è vivere un’esperienza di amicizia e di relazione. Il Volontariato si fa nei settori più vari, dall’assistenza alla cultura al turismo sociale, ma la cosa più preziosa è che noi facendo questi gesti creiamo relazioni, amicizie. Non facciamo Associazione solo perché facciamo cose ma perché vogliamo diventare più amici, più vicini fra di noi e aiutarci. Questo è il miglior modo per vivere la vita in pienezza e stando insieme in ANLA questo potremmo riuscire a farlo.

Trasporto persone in attesa di dialisi: a Bologna riparte il servizio

Si è svolto a Bologna nei primi giorni di maggio l’incontro con i tanti volontari che per anni hanno impegnato tempo, energia e passione al servizio del trasporto di persone in attesa di dialisi dall’abitazione all’ospedale e viceversa. (Qui potete vedere un articolo di repertorio sulla loro attività).

Il servizio, rinnovato nei mezzi, ripartirà con nuove modalità: grazie a tutti gli amici di Bologna che desiderano mettere al servizio dei più deboli il proprio tempo libero, le proprie energie, il proprio cuore. Grazie a Tiziana Marchetti e a Adriano Ghelfi che con tanta passione hanno organizzato l’incontro e seguono il progetto.

ANLA onlus, per fare bene il bene!

Incontro di Bologna

Incontro di Bologna

Incontro di Bologna

Incontro di Bologna

 

 

Nella sfortuna abbiamo avuto la fortuna di incontrare loro…

Nella sfortuna abbiamo avuto la fortuna di incontrare loro…Ci salvano la vita“. In queste parole profonde, vere, toccanti pronunciate da un “passeggero” del pulmino blu dell’A.N.L.A. di Bologna, tutta la forza che muove gli oltre cinquanta volontari A.N.L.A. che dal 2007 ogni giorno a turno, pioggia, vento, neve, sole, non importa quale clima ci sia, partono alle 6 del mattino e raggiungono le persone che l’Ospedale Sant’Orsola Malpighi di Bologna segnala perché possano raggiungere la divisione di Nefrologia e eseguire la dialisi. Li accompagnano e li riportano a casa al termine del trattamento.

Clicca qui per vedere in un’altra pagina web il servizio che il Tg2 ha mandato in onda venerdì 29 novembre:

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c0175c80-f793-471c-829d-55c80534b80a-tg2.html

Il pulmino A.N.L.A. di Bologna mentre esce dal Sant'Orsola Malpighi

Il pulmino A.N.L.A. di Bologna mentre esce dal Sant’Orsola Malpighi

 

ANLA al TG2 ORE 13

Cari amici, oggi nell’edizione delle 13, il TG2 ha parlato dell’esperienza di volontariato che ANLA Emilia Romagna sta svolgendo da ormai più di 6 anni a Bologna.

Una cinquantina di volontari ANLA, a turno, alle 6 del mattino partono dall’Ospedale Sant’Orsola Malpighi di Bologna per andare a prendere, nelle loro abitazioni, i pazienti, segnalati dall’Ospedale, che debbono sottoporsi a trattamento di dialisi, per poi riaccompagnarli a casa a fine mattinata.

Basta guardare i sorrisi delle persone per rendersi conto dell’importanza del gesto di volontariato. Ricordiamo solo una battuta del signor Ciriaco che, a proposito dei volontari ANLA, ha detto: “Nella nostra sfortuna, siamo stati fortunati ad avere incontrato loro...”

Grazie alla caposala Enza Guadagno del Sant’Orsola Malpighi e al professor Santoro, direttore del reparto di Nefrologia dell’Ospedale.

Un particolare ringraziamento alla collega Laura Gialli del TG2 per la sua sensibilità e attenzione e alla troupe che l’ha accompagnata.

Nella foto, un momento del servizio.

Bologna, la troupe del TG2 intervista la volontaria Angela Giardini

Bologna, la troupe del TG2 intervista la volontaria Angela Giardini

Anla Emilia-Romagna, più forti della neve

I soci di Anla-Emilia Romagna sono da anni impegnati in un servizio di  trasporto di pazienti bisognosi di trattamento dialitico che non sono in grado di raggiungere autonomamente l’ospedale, in collaborazione con  l’Associazione Amici del Rene (AdiR) operante nell’ambito della Divisione di Nefrologia dell’Ospedale Malpighi di Bologna.  I 55 volontari A.N.L.A. sono impegnati e organizzati in turni: il primo turno inizia alle 06.30, il secondo alle 11.30, il terzo alle 12.30  e il quarto alle 17.30;  nel mese di febbraio 2012 neppure la neve che ha paralizzato il capoluogo felsineo è riuscita a fermare l’opera dei volontari che hanno rispettato tutti i turni, come potete vedere dalle foto: