Archivio tag: francesco

Il 15 ottobre ANLA Onlus incontra Papa Francesco

Cari amici, sabato 15 ottobre a partire dalle ore 10 ANLA Onlus e Senior Italia Federanziani incontreranno Papa Francesco. Seguiteci su facebook alla nostra pagina facebook

http://facebook.com/anla.it/ e su Twitter @ANLA1949

Qui potete scaricare il comunicato stampa sull’Incontro Anla con Papa Francesco

Papa Francesco

Papa Francesco

 

Programma dell’incontro con Papa Francesco

Abbiamo ricevuto dal Pontificio Consiglio per la Famiglia il seguente programma per l’incontro con il Santo Padre Francesco: LA BENEDIZIONE DELLA LUNGA VITA
Rammentiamo che sono ancora aperte le iscrizioni gratuite all’incontro degli anziani e dei nonni con Papa Francesco, previsto per domenica 28 settembre 2014.

Il programma definitivo della giornata prevede:
8.30       riflessioni e testimonianze
9.30       incontro e dialogo con Papa Francesco
10.30     S. Messa presieduta dal Santo Padre
12.00     Angelus

Tutto l’evento sarà inoltre trasmesso in mondovisione, in diretta radio-televisiva e in streaming.
Iscrizioni e informazioni alla pagina dedicata del sito del Pontificio Consiglio per la Famiglia.
Per informazioni scrivere a: events@family.va

Papa Francesco

Papa Francesco

Bambini e nonni, speranza di un popolo!

Dal Vatican Information Center:

Città del Vaticano, 11 aprile 2014 (VIS). Questa mattina, nel ricevere nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico, quattrocentosettanta membri del Movimento per la Vita Italiano, il Santo Padre Francesco ha salutato in particolare i responsabili del “Progetto Gemma” (servizio per l’adozione prenatale a distanza di madri in attesa in difficoltà) che “in questi venti anni – ha ricordato – ha permesso, attraverso una particolare forma di solidarietà concreta, la nascita di tanti bambini che altrimenti non avrebbero visto la luce”.

“La vita umana è sacra e inviolabile – ha ribadito il Pontefice – Ogni diritto civile poggia sul riconoscimento del primo e fondamentale diritto, quello alla vita, che non è subordinato ad alcuna condizione, né qualitativa né economica né tantomeno ideologica. ‘Così come il comandamento ‘non uccidere’ pone un limite chiaro per assicurare il valore della vita umana, oggi dobbiamo dire ‘no a un’economia dell’esclusione e della inequità’…. “Uno dei rischi più gravi ai quali è esposta questa nostra epoca, è il divorzio tra economia e morale, tra le possibilità offerte da un mercato provvisto di ogni novità tecnologica e le norme etiche elementari della natura umana, sempre più trascurata.
Abbiamo parlato dei bambini: ce ne sono tanti! Ma io vorrei anche parlare dei nonni, l’altra parte della vita! Perché noi dobbiamo aver cura anche dei nonni, perché i bambini e i nonni sono la speranza di un popolo. I bambini, i giovani perché lo porteranno avanti, porteranno avanti questo popolo; e i nonni perché hanno la saggezza della storia, sono la memoria di un popolo. Custodire la vita in un tempo dove i bambini e i nonni entrano in questa cultura dello scarto e vengono pensati come materiale scartabile. No! I bambini e i nonni sono la speranza di un popolo!“.

Papa Francesco

Papa Francesco

Auguri Papa Francesco!

In occasione del primo anniversario dell’elezione al Soglio Pontificio, la presidenza nazionale di ANLA ha inviato al Santo Padre il seguente telegramma:

Beatissimo Padre,
l’ANLA, Associazione Nazionale Seniores d’Azienda, formata da coloro che hanno contribuito a “costruire”  il nostro Paese con il lavoro di una vita e ora, da nonni, continuano a dare il loro contributo alla costruzione del Bene Comune, ricorda con affetto il primo anniversario della Sua elezione al Soglio Pontificio. Il Suo magistero, che ci ha ricordato in più occasioni che “Anziani e giovani sono la speranza dell’umanità. I primi apportano la saggezza dell’esperienza; i secondi ci aprono al futuro, impedendo di chiuderci in noi stessi“, possa essere sempre più ascoltato e condiviso nell’intimo di ogni cuore.
L’ANLA Le assicura il costante ricordo spirituale auspicando la Sua Paterna benedizione.
Beatissimo Padre, auguri da tutta l’ANLA!
Antonio Zappi, presidente nazionale

Papa Francesco

Papa Francesco

 

Papa Francesco: Le persone anziane sono indispensabili

Papa Francesco

Papa Francesco

Papa Francesco, ricevendo in udienza i partecipanti alla XXVIII Conferenza Internazionale del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari, svoltasi dal 21 al 23 novembre, nell’Aula Nuova del Sinodo, sul tema: “La Chiesa al servizio della persona anziana malata: la cura delle persone affette da patologie neurodegenerative”, ha sottolineato il fatto che le persone anziane sono sempre state protagoniste nella Chiesa e oggi più che mai la Chiesa deve dare esempio a tutta la società del fatto che esse sono sempre importanti, anzi, “indispensabili”.

Le persone anziane “portano con sé la memoria e la saggezza della vita, per trasmetterle agli altri, e partecipano a pieno titolo della missione della Chiesa. Ricordiamo che la vita umana conserva sempre il suo valore agli occhi di Dio, al di là di ogni visione discriminante“, ha ribadito il Santo Padre che ha poi sottolineato “Il prolungamento delle aspettative di vita intervenuto nel corso del XX secolo, comporta che un numero crescente di persone vada incontro a patologie neurodegenerative, spesso accompagnate da un deterioramento delle capacità cognitive. Queste patologie investono il mondo socio-sanitario sia sul versante della ricerca, sia su quello dell’assistenza e della cura nelle strutture socio-assistenziali, come pure nella famiglia, che resta il luogo privilegiato di accoglienza e di vicinanza“.

Nelle parole del Papa emerge la necessità di  “una assistenza che, accanto al tradizionale modello biomedico, si arricchisca di spazi di dignità e di  libertà, lontani dalle chiusure e dai silenzi, che troppo spesso circondano le persone in ambito assistenziale. In questa prospettiva vorrei sottolineare l’importanza dell’aspetto religioso e spirituale. Anzi, questa è una dimensione che rimane vitale anche quando le capacità cognitive sono ridotte o perdute. Si tratta di attuare un particolare approccio pastorale per accompagnare la vita religiosa delle persone anziane con gravi patologie degenerative, con forme e contenuti diversificati, perché comunque la loro mente e il loro cuore non interrompono il dialogo e la relazione con Dio“.

Infine il Papa ha concluso: “Cari amici voi non siete solo destinatari dell’annuncio del messaggio evangelico, ma siete sempre, a pieno titolo, anche annunciatori in forza del vostro Battesimo“.

La memoria degli anziani, sostegno per il cammino

Papa Francesco

Papa Francesco

Papa Francesco, nel suo messaggio ai partecipanti alla XLVII Settimana Sociale dei Cattolici italiani, ha di nuovo menzionato l’importanza degli anziani nella società. Ecco le sue parole:

Speranza e futuro presuppongono memoria. La memoria dei nostri anziani è il sostegno per andare avanti nel cammino. Il futuro della società, e in concreto della società italiana, è radicato negli anziani e nei giovani: questi, perché hanno la forza e l’età per portare avanti la storia; quelli, perché sono la memoria viva. Un popolo che non si prende cura degli anziani e dei bambini e dei giovani non ha futuro, perché maltratta la memoria e la promessa“.

Per leggere il testo completo del messaggio del Santo Padre clicca qui

Gli anziani, specialmente i nonni, sono la memoria viva di un popolo

Papa Francesco

Papa Francesco

Nuovo intervento di Papa Francesco sulla difesa della vita soprattutto quando essa è più debole. Il Papa è intervenuto con un messaggio in occasione della Settimana nazionale della famiglia che si è aperta in Brasile.

Care famiglie brasiliane” scrive il Papa che ha ancora nel cuore “le gioie ricevute” durante il suo viaggio in Brasile per la Gmg. Il Papa incoraggia i genitori nella “missione nobile ed esigente di essere i primi collaboratori di Dio nell’orientamento fondamentale dell’esistenza e nella garanzia di un buon futuro. Per questo è importante che ‘i genitori coltivino pratiche comuni di fede nella famiglia, che accompagnino la maturazione della fede dei figli” citando la sua eciclica  Lumen Fidei al nr. 53. Prosegue il testo “I genitori sono chiamati a trasmettere con le parole e soprattutto con le loro opere, le verità fondamentali sulla vita e l’amore umano, che ricevono una nuova luce dalla Rivelazione di Dio”.

Sottolinea Papa Francesco: “In particolare, di fronte alla cultura dello scarto, che relativizza il valore della vita umana  i genitori sono chiamati a trasmettere ai loro figli la consapevolezza che essa deve essere sempre difesa, sin dal grembo materno, riconoscendovi un dono di Dio e garanzia del futuro dell’umanità, ma anche nella cura degli  anziani, specialmente dei nonni, che sono la memoria viva di un popolo  e trasmettono la saggezza della vita”.

Per leggere il testo completo dell’articolo di Radio Vaticana clicca qui

Gli anziani devono aprire la bocca e insegnarci! Trasmetteteci la saggezza dei popoli!

Papa Francesco

Papa Francesco

Francesco torna a parlare del rapporto fra giovani e anziani e lo fa alla Giornata Mondiale della Gioventù durante l’Incontro con i giovani argentini partecipanti alla GMG nella cattedrale di Rio de Janeiro. Di seguito le parole del Santo Padre. Se volete leggere il testo dell’intero discorso, cliccate qui.

Guardate, io penso che, in questo momento, questa civiltà mondiale sia andata oltre i limiti, sia andata oltre i limiti perché ha creato un tale culto del dio denaro, che siamo in presenza di una filosofia e di una prassi di esclusione dei due poli della vita che sono le promesse dei popoli. Esclusione degli anziani, ovviamente. Uno potrebbe pensare che ci sia una specie di eutanasia nascosta, cioè non ci si prende cura degli anziani; ma c’è anche un’eutanasia culturale, perché non li si lascia parlare, non li si lascia agire. E l’esclusione dei giovani. La percentuale che abbiamo di giovani senza lavoro, senza impiego, è molto alta e abbiamo una generazione che non ha esperienza della dignità guadagnata con il lavoro. Questa civiltà, cioè, ci ha portato a escludere i due vertici che sono il nostro futuro. Allora i giovani: devono emergere, devono farsi valere; i giovani devono uscire per lottare per i valori, lottare per questi valori; e gli anziani devono aprire la bocca, gli anziani devono aprire la bocca e insegnarci! Trasmetteteci la saggezza dei popoli!… Ma non dimenticate: fatevi sentire; abbiate cura dei due estremi della vita, i due estremi della storia dei popoli, che sono gli anziani e i giovani; e non frullate la fede.