Archivio tag: generazioni

Convegno Generazioni a confronto, le foto

Giovedì 12 marzo si è svolto a Macerata il Convegno “Generazioni a confronto, esperienza e progettualità” svolto in collaborazione con l’Università di Macerata, Dipartimento di Giurisprudenza. Nei prossimi giorni pubblicheremo alcuni interventi. Ecco nel frattempo  le foto dei partecipanti.

Il Comune di Firenze per gli anziani

Firenze, interno di Palazzo Vecchio, Salone dei 500 durante il Festival delle Generazioni

Firenze, interno di Palazzo Vecchio, Salone dei 500 durante il Festival delle Generazioni

Dieci quintali di frutta, soprattutto susine e poponi. Da giovedì 8 agosto è partita questa iniziativa che prevede la consegna alle strutture di accoglienza e socializzazione per anziani di Firenze. Si tratta di una iniziativa gestita dalla rete di consegna del Progetto Mercafir ma che ha origini addirittura in Europa. In ottemperanza alle regole dell’Unione Europea sulle eccedenze nella produzione di frutta e verdura, una ditta di Faenza ha deciso di donare i prodotti eccedenti le quantità previste al Comune di Firenze in modo da poter essere destinati alle persone in difficoltà. L’Amministrazione, in questo caso specifico, ha deciso di privilegiare gli anziani che, soprattutto in questo periodo, dovrebbero mangiare molta frutta e verdura.

Il vicesindaco Stefania Saccardi coglie l’occasione per fare un bilancio del progetto Mercafir, che prevede la distribuzione a famiglie e persone in difficoltà di alimenti (soprattutto frutta e verdura) messi a disposizione dagli operatori del mercato di Novoli e che altrimenti andrebbero sprecati. Dall’avvio del progetto, a fine novembre 2011, sono stati ritirati e consegnati 59.000 chilogrammi di frutta e verdura a 320 famiglie, tra cui 120 anziani e 180 famiglie numerose (in totale si tratta di oltre 500 persone). Inoltre a luglio, visto il consistente conferimento da parte degli operatori del mercato, oltre che alle famiglie gli alimenti sono stati consegnati anche al Banco Alimentare, alla Caritas, alla Ronda della Carità, alla Madonnina del Grappa e a varie comunità di accoglienza della città. “Si tratta di numeri di grande rilievo che testimoniamo la solidarietà e l’impegno a favore delle persone meno fortunate proprio della nostra città” conclude il vicesindaco.

Per saperne di più, clicca qui

Gli anziani, un anello della catena nella storia del mondo

Papa Francesco

Papa Francesco

Papa Francesco così si è espresso a proposito dei “nonni” durante la messa  a Sumaré: “I nonni hanno questo, che quando vedono il nipote scommettono sulla vita e sul futuro e desiderano la cosa migliore per il nipote, la cosa migliore. Oggi ci farà bene pensare ai nostri nonni; quando siamo nati, tutto il bene che hanno voluto per noi e la sapienza che ci hanno trasmesso, perché i nonni in un Paese sono quelli che devono trasmettere la sapienza, no? E la lasciano come eredità. Chiedere al Signore che benedica molto i nostri nonni: loro sono stati un anello nella vita”.

Trasmettere sapienza. Che noi si possa essere come il buon vino, che quando invecchia migliora: è più buono! Il vino cattivo diventa aceto. Che noi si possa essere come il buon vino. Che noi si possa invecchiare con sapienza, per poter trasmettere sapienza. E anche chiedere la grazia di non credere che la storia finisca con noi, perché non è neanche cominciata con noi: la storia continua. E che ci doni anche un pochino di umiltà, per poter essere anello della catena e poterlo credere”.

Per leggere il testo completo del discorso del Papa clicca qui

Gli anziani devono aprire la bocca e insegnarci! Trasmetteteci la saggezza dei popoli!

Papa Francesco

Papa Francesco

Francesco torna a parlare del rapporto fra giovani e anziani e lo fa alla Giornata Mondiale della Gioventù durante l’Incontro con i giovani argentini partecipanti alla GMG nella cattedrale di Rio de Janeiro. Di seguito le parole del Santo Padre. Se volete leggere il testo dell’intero discorso, cliccate qui.

Guardate, io penso che, in questo momento, questa civiltà mondiale sia andata oltre i limiti, sia andata oltre i limiti perché ha creato un tale culto del dio denaro, che siamo in presenza di una filosofia e di una prassi di esclusione dei due poli della vita che sono le promesse dei popoli. Esclusione degli anziani, ovviamente. Uno potrebbe pensare che ci sia una specie di eutanasia nascosta, cioè non ci si prende cura degli anziani; ma c’è anche un’eutanasia culturale, perché non li si lascia parlare, non li si lascia agire. E l’esclusione dei giovani. La percentuale che abbiamo di giovani senza lavoro, senza impiego, è molto alta e abbiamo una generazione che non ha esperienza della dignità guadagnata con il lavoro. Questa civiltà, cioè, ci ha portato a escludere i due vertici che sono il nostro futuro. Allora i giovani: devono emergere, devono farsi valere; i giovani devono uscire per lottare per i valori, lottare per questi valori; e gli anziani devono aprire la bocca, gli anziani devono aprire la bocca e insegnarci! Trasmetteteci la saggezza dei popoli!… Ma non dimenticate: fatevi sentire; abbiate cura dei due estremi della vita, i due estremi della storia dei popoli, che sono gli anziani e i giovani; e non frullate la fede.

Liguria premiata dalla UE per un progetto sull’invecchiamento attivo

Genova

Genova

Il 2012 è stato, per decisione dell’Unione Europea, l’ “Anno dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni”: con questa attenzione sono stati promossi iniziative e riconoscimenti volti a contribuire al dialogo fra le generazioni, la qualità della vita, la partecipazione alla vita sociale delle persone in là con gli anni. In questo ambito l’Unione Europea, per mano della commissaria Nelly Kroes, vice presidente della Commissione Europea, ha premiato la Regione Liguria per progetto “Memory training” sull’invecchiamento attivo.

L’iniziativa premiata contempla il coinvolgimento degli “anziani attivi” che offrono il loro tempo gratuito a sostegno delle persone fragili con azioni di mantenimento delle relazioni sociali e amicali, attività di buon vicinato, accompagnamento a iniziative ludiche- ricreative e culturali.

Lorena Rambaudi, assessore regionale al welfare, in un comunicato che potete leggere per esteso qui, commenta: “Sono soddisfatta del lavoro svolto dalla nostra regione nel campo dell’invecchiamento attivo  che distingue il nostro impegno in questo settore. Siamo infatti la prima regione in Italia ad aver approvato nel 2009 una legge sull’invecchiamento attivo. Merito comunque anche del lavoro di squadra svolto con l’agenzia regionale della sanità, l’Ente ospedaliero Galliera, l’Università di Genova”.

La Liguria rappresenta il 27 % della popolazione italiana over 65 anni con quasi 30.000 persone impegnate nell’assistenza socio-sanitaria.