Archivio tag: #iorestoincasa

#iorestoincasa… e facciamo…

(di Annalisa Gatti) Scrivere, un via libera alle nostre emozioni

In questi giorni particolari in cui si resta in casa, si ha più tempo per pensare e almeno io alterno momenti di energia e buona volontà a momenti di ansia e tristezza per quello che accade intorno a me. Cerchiamo di essere positivi invece e di concentrarci su qualcosa che fino ad oggi non avevamo mai avuto il tempo di fare. Approfitto di questo spazio per raccontarvi dei miei genitori, di come sono riusciti ad utilizzare il tempo in casa in questo particolare momento. Mio papà ha oltre novant’anni e mamma dieci anni di meno e hanno 7 nipoti di cui due  piccolini, di tre e sei anni. La scorsa settimana il più piccolo è stato poco bene, con febbre molto alta, immaginate che preoccupazione in un momento come questo. I nonni, non potendo muoversi da casa e aiutare il piccolo malato, anche solo con la loro compagnia come sono abituati a fare, hanno pensato di assistere il nipotino in questo modo: attrezzati con carta, penna e tanta fantasia hanno cominciato a scrivere delle fiabe, episodi inventati da loro, dove il protagonista era proprio un bimbo che somigliava in tutto al piccolo Giorgio (questo il nome del nipotino) che doveva sconfiggere un drago (la febbre). Mamma, che ha molta immaginazione, dettava il testo e papà scriveva, poi mandavano le favole con una mail a casa del piccolo malato che apprezzava moltissimo le avventure a puntate di questo bimbo come lui. Questa iniziativa mi ha fatto tanto piacere perché ho pensato che i nonni, tutti i nonni, sono insostituibili in una famiglia e in generale, le persone di una certa età, hanno tanta esperienza in più rispetto a noi e sanno, anche nei momenti difficili, tenere duro, avere pazienza e non avvilirsi. Sono loro spesso che ci danno coraggio e forza, che trovano le parole adatte per consolarci e che con il loro affetto ci danno iniezioni di energia. Forza quindi, diamoci da fare, questo tempo finirà e allora sarà persa anche l’opportunità di fare qualcosa di particolare, qualcosa di buono, di utile, di curioso, chissà….

Scrivere...

Scrivere…

Scrivere… perché no? Per esempio scrivere un’autobiografia. Che bello raccontare di se, dei propri ricordi, delle antiche paure, delle grandi gioie, gli amori vissuti, quelli mancati… possono essere davvero infiniti i temi da affrontare. Forse non tutti hanno la fantasia della mia mamma ma anche solo ricordare e mettere su carta episodi della propria vita, può essere un valido aiuto contro la noia. A volte poi, rileggere i propri pensieri e i propri ricordi può servire ad affrontare le sfide presenti. Ma viene da chiedersi: “A chi può interessare la mia storia comune, che non ha nulla di interessante?” Non c’è bisogno di aver vissuto esperienze fuori dal comune per scrivere qualcosa di se. Avere affrontato un problema, un conflitto, una difficoltà è sempre la base per una buona storia. Potrebbe essere anche un regalo originale e tanto gradito per i propri familiari.

Ho letto che in Europa esistono diversi Archivi Nazionali delle Memorie: assomigliano a biblioteche ma anziché libri pubblicati e venduti, contengono racconti personali, spesso scritti da gente che non aveva mai scritto prima, memorie riportate anche in dialetto, a volte con errori di grammatica ma per questo ancora più autentiche e interessanti.

Se mi avessero chiesto “da dove si parte”avrei detto a chiunque “vai con la mente dove ti porta il cuore e scrivi” ma non è così.

Ci sono moltissimi consigli on line per chi avesse voglia di intraprendere questo cammino. Per curiosità sono andata a leggerne alcuni e riporto in queste righe quelli che, a mio parere, sono i più interessanti. Il cuore e la mente sono fondamentali ma ci sono alcuni consigli da seguire per non fare un pasticcio.

Uno dei modi migliori per imparare a scrivere della vostra vita è leggere prima alcune delle grandi autobiografie finora pubblicate. Inoltre cercate di inquadrare storicamente il periodo di cui si parla e non prendetevi troppo sul serio. Bisogna poi capire quale sarà il vostro pubblico perché il linguaggio e i dettagli saranno diversi. Ci dovrà essere un tema attorno a cui ruoteranno i ricordi e guardare le foto di famiglia e parlare con parenti, vecchi amici, può aiutare a ricordare momenti ricchi di episodi e storie divertenti, quindi aiutate la  memoria. Organizzate il cammino in ordine cronologico oppure basandovi su eventi importanti, attenzione a non fare un noioso elenco di avvenimenti! Dopo aver scritto una prima bozza rileggetela e soprattutto fatela leggere a qualcuno che vi conosca e che vi possa aiutare a individuare gli errori e vi possa dare suggerimenti per migliorare la lettura del testo. Prima di considerare l’autobiografia finita, mettetela da parte e riprendetela dopo alcune settimane. La leggerete con un altro spirito e vedrete che ci sarà altro da inserire, da tagliare, da aggiungere, da alleggerire. La vostra storia potrebbe diventare una realtà apprezzata dai vostri cari e magari per le generazioni a venire. Buon lavoro.

 

Finalmente Festa! Prima puntata

(di Roberta Greco) Pasqua è ormai alle porte e anche quest’anno ci tocca la grande consueta abbuffata prima di entrare in fissa con la prova costume. Questa è una piccola raccolta di piatti tradizionali del nostro bellissimo Paese 

A Napoli per Pasqua le ricette del menù del pranzo sono all’insegna della tradizione più antica. Si comincia con un ricco antipasto di salumi e formaggi tipici della regione: ricotta salata, provolone, salame tipo Napoli, mozzarelle di bufala, capocollo, pancetta, uova sode che si presentano già affettati in tavola su un grande tagliere dal quale ogni commensale può servirsi a suo piacere. Si prosegue con il casatiello. Una torta salata ripiena di salumi e formaggi e uova sode. Ovviamente il casatiello può, anzi, deve accompagnare i salumi e i formaggi del piatto beneditto. Il casatiello in genere si prepara la sera del Venerdì Santo e si lascia lievitare l’intera nottata, per poi cuocerlo il sabato seguente.

Pizza rustica, Casatiello Napoletano

Pizza rustica, Casatiello Napoletano

Eccoci poi ai primi piatti: la minestra maritata e a seguire la pasta al forno. Anche queste sono preparazioni abbastanza lunghe, soprattutto la minestra però il loro sapore ripagherà del tempo speso in cucina.

Il secondo di carne ossia il capretto al forno con piselli è legato come sempre alla tradizione soprattutto nel nome perché viene chiamato anche ‘o Ruoto proprio perché è cotto al forno in una teglia di forma circolare – il ruoto appunto.

Per contorno i carciofi mammarelle in pinzimonio oppure indorati e fritti.

E infine non poteva mancare il gran finale con la pastiera.

In Sicilia. In tutte le case dei catanesi quando si prepara il primo piatto pasquale non manca mai la pasta co sugu di l’Agneddu oppure la pasta co aggrassato di agneddu. Si tratta di due versioni differenti, la prima versione è un sugo di agnello mentre la seconda si tratta di uno stufato di agnello. Entrambe le versioni sono accompagnate necessariamente da contorno che sono patate al forno e carciofini arrostiti.

Come secondo le impanate ragusanel’agnello aggrassato o il cosciotto d’agnello al forno.

A Ragusa il Venerdì Santo viene lavorata la carne dell’agnello, per poi gustare le ossa, quindi il cibo più povero, il sabato, e godersi le impanate e i turciniuna (preparati con le interiora) la domenica.

Le impanate di agnello sono uno dei cibi pasquali più tipici di Ragusa, sono una sorta di focacce ripiene di carne d’agnello, in cui la carne viene cotta direttamente all’interno dell’impasto. Alcune famiglie mangiano le impanate già il sabato di Pasqua, altre invece aspettano la domenica (perché il sabato si spolpano le ossa dell’agnello), senza dimenticare di portarsele fredde alle scampagnate di Pasquetta. C’è chi prepara le impanate mettendo i pezzi d’agnello con le ossa all’interno e chi invece preferisce mettere la polpa disossata.

L’agnello aggrassato è una preparazione in umido, una sorta di spezzatino arricchito con le patate, ed è proprio lo sfarinarsi delle patate tipico di questa preparazione che rende l’aspetto dell’agnello “aggrassato”.

Un piatto molto apprezzato dai catanesi è u’ pastieri. Si tratta di una focaccia spesso utilizzata anche come antipasto fatta con pasta di pane e strutto ripiena di un impasto fatto di interiori di agnello tritata, carne di agnello cruda tritata, caciocavallo grattugiato, pepe, sale, prezzemolo, brodo di interiore e uova.

Per i dolci c’è la torta pasqualina, composta da sottili strati di un impasto non lievitato a base di farina, acqua e olio, e da un goloso ripieno a base di ricotta (la ricetta è ligure ed al posto della ricotta servirebbe la prescinseua, praticamente impossibile da trovare in altri posti), uova ed erbe.

Le cassatelle di ricotta ragusane, che sono molto diverse dalla cassata siciliana conosciuta in tutta Italia, sebbene abbiano in comune la ricotta come ingrediente base, hanno una base che somiglia un po’ a una frolla, ma fatta con lo strutto, e sono ripiene di ricotta fresca vaccina aromatizzata con la scorzetta di limone, anche se ormai se ne vedono anche in versioni più “moderne” con aggiunta di gocce di cioccolato.

I biscotti quaresimali. Si tratta di un dolce caratteristico di Catania che viene preparato con ingredienti tipici siciliani come le mandorle ed i pistacchi. L’impasto da infornare si ottiene con mandorle tritate mescolate con frutta candita, zucchero, uova e farina. Una volta sfornati vengono poi ricoperti di gomma arabica e granella di pistacchio.

#iorestoincasa… e facciamo…

(di Annalisa Gatti)  Cura delle piante da interno 

Amavo il sabato e la domenica per via di quei risvegli pigri e assonnati che mi facevano ciabattare fino in soggiorno, sorseggiando il mio caffè; guardavo con occhi pieni di orgoglio le mie belle piante che vicino alle finestre godevano del tiepido sole che le illuminava. In particolare le orchidee che di anno in anno fioriscono senza che io abbia per loro accorgimenti particolari. Purtroppo da qualche settimana le mattine assomigliano tutte a quelle del weekend, non c’è il suono della sveglia che ti obbliga al risveglio, non c’è la colazione veloce e la corsa verso il lavoro che mi attende. La prima settimana di stop il mio orologio biologico continuava a svegliarmi e farmi fretta, le giornate mi sembravano lunghissime e difficili da riempire; ora che sono passate quasi tre settimane mi sono abituata a una calma diversa da quella del fine settimana, una calma che è un misto di pazienza, attesa e speranza. Stando ubbidiente a casa come la maggior parte di noi, cerco di vedere nelle piccole cose di ogni giorno, nei gesti quotidiani, tanti piccoli grandi doni. In effetti, poter osservare senza fretta il proprio soggiorno, i volti delle persone care che ti sorridono nelle foto incorniciate, i soprammobili che hanno tutti una storia da raccontare, le proprie piante più o meno rigogliose …… togliere con calma le foglioline secche, passare lo straccetto umido per togliere la polvere dalle foglie… ma chi lo faceva prima? Era uno spazio rubato a un week di brutto tempo. In queste strane giornate cerco di vedere cosa posso fare di buono, di utile, di bello, qualcosa che possa farmi stare bene, perché poi il bene è contagioso forse più del nostro invisibile nemico.

Orchidea, cura della casa

Orchidea, cura della casa

Non ho il pollice verde, però con le orchidee ho grandi soddisfazioni, inaspettatamente fioriscono e sono bellissime. Per questo vorrei dare qualche piccolo, semplice consiglio a chi, come me, non sa proprio come muoversi con questo fiore bellissimo ma particolare. Vorrei suggerire come prima cosa di fare molta attenzione all’esposizione: le orchidee hanno bisogno di luce solare, forte ma indiretta, per crescere bene. Se il sole è diretto, meglio che stiano dietro una tenda trasparente, in modo che non vengano bruciate. Per fiorire hanno bisogno di ricevere tanta luce. Usare vasi, meglio se trasparenti, con fori di drenaggio e utilizzare un sottovaso. Il terriccio deve essere a drenaggio veloce, tipo corteccia o sfagno (muschio filamentoso che mantiene la corretta umidità per le radici, non richiede numerose innaffiature, non fa assorbire l’acqua in eccesso). Per quanto riguarda le annaffiature io mi regolo così: cerco di mantenere la terra sempre umida, mai troppo bagnata, mai acqua stagnante nel sottovaso. Cerco di pulire le belle foglie verdi ogni tanto con un panno bagnato di acqua e qualche goccia di latte. La gran parte delle orchidee coltivabili in appartamento sono di origine tropicale, quindi sono adattate al clima caldo e umido e allora quando fa davvero caldo, vaporizzo le foglie con acqua, stando attenta a non toccare i fiori che, ho letto, si possono macchiare. Controllate spesso le foglie della vostra orchidea: se diventano gialle o ricoperte di macchioline, la pianta è esposta a troppo sole; se invece assumono una colorazione che tende troppo al verde scuro, la luce va aumentata, perché insufficiente. Se la pianta non da fiori si può aiutare a produrre nuovi boccioli semplicemente accorciando lo stelo, tagliandolo con delle semplici forbici o delle cesoie, almeno a 1 centimetro sopra il “nodo”. Se il vaso è diventato troppo piccolo o se notate radici danneggiate o muffa è il momento di rinvasare. Di solito si fa in autunno ma si può praticare anche a inizio primavera, l’importante è che non ci siano fiori. In genere vanno rinvasate ogni due o tre anni.

Le piante d’appartamento comunque sono tutte da osservare con attenzione: la polvere le attacca, le correnti d’aria le danneggiano… in questi giorni a casa abbiamo più tempo e forse possiamo dedicare loro un poco di più di cure. Ecco qualche breve suggerimento: come fare per avere un fogliame bello e lucido? La polvere e lo sporco ostruiscono i numerosi stomi e il risultato sarà la crescita più lenta e la salute che ne risentirà, il fogliame sarà inoltre più opaco. Per le piante a foglia grande tenete ferma la foglia con una mano e con l’altra passate un panno umido o una spugna, ogni dieci giorni circa. Per quelle a foglia piccola, la cosa migliore da fare è vaporizzare (è bene lasciar riposare l’acqua o metterla a bollire, per poi farla raffreddare prima di utilizzarla); oltre ad aumentare l’umidità si riuscirà ad allontanare anche la minaccia di attacchi di parassiti. Le piante dalle foglie vellutate sono molto delicate e trattengono molta polvere, il miglior modo per eliminarla è quello di passare dolcemente un pennello; per le piante pungenti invece utilizzate il phon con aria fredda a una distanza di 15 cm. Per lucidare le foglie? Io utilizzo una soluzione di acqua e latte, ¾ di latte e ¼ di acqua. Basterà strofinare delicatamente un panno di cotone imbevuto con la soluzione indicata e le foglie appariranno da subito bellissime.

Certamente questi accorgimenti richiederanno un poco di tempo e di pazienza ma le piante a loro modo ringrazieranno.

Quaresima in tavola… 2° puntata

(di Roberta Greco) Per la tradizione della Quaresima in tavola ora passiamo al centro sud, a Napoli, tra i piatti della Quaresima troviamo la frittata di scammaro, ossia un condimento a base di capperi, pinoli, acciughe e olive nere, utilizzato anche per condire la pasta e anche il Baccalà alla Napoletana che deve essere infarinato, fritto e finito di cuocere ripassandolo nel forno con pomodoro fresco, capperi, olive, pinoli ed uvetta.  Non mancano le specialità romane come il Baccalà in Guazzetto o in Agrodolce.

Ma altrettanto diffusa nel Centro-Sud è la pasta con la colatura di alici, così somigliante – assieme ad alcune salse liguri e alla sardella calabrese – a quel garum di cui erano ghiotti i Romani. Il passo che la separa dalla pasta con le sarde siciliana, in fin dei conti, è assai breve. L’origine della Pasta con Colatura di Alici è antichissima, risale infatti alla cultura greco-romana: la colatura è un liquido ricavato dal processo di salatura del pesce azzurro, tipico della zona campana di Cetara.

Alici di Menaica - Colatura di Alici

Alici di Menaica – Colatura di Alici

Infine i siciliani hanno saputo trasformare ricette apparentemente povere in piatti molto saporiti, come la Pasta con le Sarde, arricchita da finocchietto selvatico, zafferano, uvetta e pinoli.

Mangiar di magro tuttavia non significa necessariamente mangiare senza gusto. Nella ricetta abruzzese del Baccalà Mollicato, il pesce viene lessato, finito al forno e successivamente ben rivestito di mollica.

E i formaggi?

Secondo l’antica dottrina della Chiesa occidentale andavano esclusi (ma via via si è attenuato il divieto), mentre il latte e la panna sono permessi tanto è vero che i maritozzi romani (con uvetta) sono considerati i dolci quaresimali per eccellenza, come testimonia il poeta della seconda metà dell’800 Giggi Zanazzo: “In Quaresima pe’ ddivuzzione se magneno li maritozzi, anzi c’è cchi è ttanto divoto pe’ magnalli che a ccapo ar giorno se ne strozza nun se sa quanti”. E si accompagnano alla panna.

Anche per la ricotta, che è un latticino ma non un formaggio c’è via libera e infatti si riempiono i classici ravioli di magro, unendola a erbette, bietola o spinaci.

In generale tutta la pasta, fresca e secca, ripiena di erbe, era perfetta per i periodi di magro, perché saziante, gustosa e del tutto vegetale. Unita a verdure o semplicemente unta da olio al profumo d’aglio godeva del benestare delle gerarchie ecclesiastiche. Non a caso gli gnocchi di semolino alla romana sono citati da Pellegrino Artusi nel menu quaresimale.

Pellegrino Artusi, il più famoso gastronomo d’Italia e della Romagna, nel suo libro La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene, presenta degli spaghetti di Quaresima che, afferma, normalmente vengono serviti in Romagna. Si tratta di spaghetti conditi con zucchero, noci, pan grattato e spezie! L’Artusi elenca la ricetta tra le minestre:

Pestate delle noci framezzo a pangrattato, uniteci dello zucchero a velo e l’odore delle spezie e, levati asciutti gli spaghetti dall’acqua, conditeli prima con olio e pepe, poi con questo pesto a buona misura.”

Inoltre, presta dovizia di particolari a raccontare i tortelli di ceci, “un piatto che si usa fare in Quaresima”, spiega (ravioli di pasta all’uovo ripieni di una farcia dolce di ceci e castagne, poi fritti).

E i dolci solo se morigerati…

Una ricetta “di magro” tipica fiorentina è costituita dal pane di ramerino, dolce preparato con farina, olio, rosmarino, uva passa e zibibbo. Tra i dolci, sia in Liguria che in Toscana sono diffusi i quaresimali. Quelli liguri, sembra siano stati inventati in un convento di Genova da un gruppo di suore che voleva incoraggiare il rispetto dell’astinenza dai grassi. Si preparano infatti con pasta di mandorle, zucchero, acqua di fiori d’arancio, albume d’uovo, farina, semi di finocchio, confezionati a forma di piccole ciambelle e guarniti con zucchero al gusto di maraschino, pistacchio, limone o caffè. I quaresimali toscani sono invece più semplici, biscotti all’uovo con zucchero e cacao in polvere a forma di lettere dell’alfabeto.

#iorestoincasa… e facciamo…

(di Annalisa Gatti) I giorni passano e si susseguono notizie su notizie, allarmanti o rassicuranti, consigli, opinioni, suggerimenti, disposizioni etc. Siamo sempre attenti e non ci perdiamo una parola di quello che ci viene comunicato, passiamo ore con il cellulare in mano o con la televisione accesa. Questo vale per chi, come me, non deve uscire per forza per andare a lavorare, ovvio. Sembrano più lunghe le giornate, le chiacchiere al telefono ci tengono compagnia e direi che tutti noi abbiamo le stesse reazioni: a volte ci sentiamo pieni di buona volontà, reattivi, energici e con tanta voglia di fare mille cose, a volte pigri e disfattisti, vagamente depressi, tanto spaventati e a volte totalmente inutili. Certo vediamo che altri si giocano la vita per aiutare chi è in difficoltà e noi che facciamo? Stiamo a casa. Ho letto una vignetta, tra le tante che circolano in questo periodo e mi ha fatto proprio sorridere: Snoopy, il celebre cane di Charlie Brown, in pigiama che diceva:” non capita tutti i giorni di salvare l’Italia restando in pigiama”. Vero! Bisogna combattere questo fastidioso senso di inutilità ed essere coscienti del fatto che, proprio nella misura in cui ubbidiamo alle disposizioni e restiamo a casa, siamo utili a tutti, ai nostri parenti, ai vicini di casa, conoscenti, colleghi, amici, insomma a una marea di persone che direttamente e indirettamente sono legate a noi. Siamo utili così, utilissimi certamente, e questo già basta per sentirsi contenti. Poi, se vogliamo anche essere produttivi guardiamoci in torno e le cose da fare sono davvero tante. Quindi, alziamoci dal divano e diamoci da fare, quando avremo finito, magari anche solo di ramazzare per casa, avremo una bella coscienza sollevata e saremo più inclini al sorriso.

Io oggi ho fatto qualcosa che non avevo mai fatto e la condivido: ho pulito un mobile antico che mi regalò il mio papà: per esattezza una ribaltina in noce che mi limitavo solo a spolverare per paura di fare danni. Spolveravo con un panno morbido e nelle pieghe del legno usavo uno spazzolino da denti sempre morbido. Avevo notato però che con il tempo il legno era diventato opaco e secco. Guardando su internet trovavo tantissimi suggerimenti, certamente validi, ma non mi decidevo mai. Mi è capitato qualche tempo fa di parlare con un mio amico falegname che mi ha dato qualche consiglio e mi ha indirizzato verso una pulizia poco aggressiva e inquinante, molto semplice, naturale e soprattutto efficace. Per cominciare ho spolverato accuratamente il mobile (come già ho detto) con un panno morbido che non lasciasse pelucchi. Poi ho fatto una miscela che ha donato lucentezza ed esaltato le naturali venature del legno rimuovendo gli aloni; ho mischiato aceto bianco (oppure aceto di mele per un odore più delicato) con olio di oliva (anche l’olio di semi di lino va bene). Per le dosi mi sono regolata così: 1 tazza riempita per ¾ di olio e 1/4 di aceto. Ho mescolato bene e poi ho immerso un panno che, ben strizzato ho passato per pulire la superficie facendo dei movimenti circolari e sempre seguendo le venature del legno. Ci sono in commercio anche degli oli per il corpo, meglio se per bambini che sono più delicati, usati con parsimonia, hanno un buon odore e possono essere ugualmente efficaci. Devo dire che questa pulizia ha reso molto più lucente e più bello la mia ribaltina.

Mobili in legno

Mobili in legno

Ho letto, un altro rimedio naturale che mi sembrava interessante, per ravvivare i mobili in legno. Utilizzare il succo di mezzo limone mischiato a 1 cucchiaino di sapone di Marsiglia liquido e 4 gocce della vostra essenza profumata preferita. Mescolati insieme devono essere spruzzati direttamente sulla superfice in legno. Una volta asciugato il mobile si passa un panno umido sul quale avrete versato poche gocce di olio di oliva: il vostro legno antico sarà così nutrito e ravvivato. Un altro suggerimento che mi sembra valido se avete problemi di legno annerito o con la muffa: utilizzate l’acqua ossigenata e l’ammoniaca; una raccomandazione: mettete i guanti e proteggete gli occhi e utilizzate un recipiente capiente, in quanto le due sostanze insieme potrebbero andare in ebollizione. La miscela dovrà essere composta solo per il 5% di ammoniaca: applicatela sulla zona con un panno pulito.

Se il legno si è annerito a causa della muffa, allora potete utilizzare la candeggina preparando una soluzione con acqua e il 30% di candeggina: anche in questo caso utilizzate guanti e mascherina e passate il prodotto sul mobile seguendo le venature del legno. Dopo circa un paio di ore risciacquate la superficie  fino a quando i residui di candeggina saranno completamente eliminati.

 

#andratuttobene

(di Antonello Sacchi). Non pensavamo fosse così dura, ammettiamolo, e ora ci ritroviamo, tutta Italia, nella morsa di un nemico tanto invisibile quanto subdolo.Coraggio amici miei, ripartiremo. Facciamo tesoro di queste giornate che forzatamente trascorreremo in casa, lasciando a zero la socialità, per riguadagnare quanto la frenesia di questi anni ci ha fatto trascurare, portando al massimo la dimensione della riflessione, della spiritualità, dello stare in famiglia. Abbiamo eroi che stanno lavorando con turni massacranti in corsia per salvare vite umane, cerchiamo ognuno di noi di fare la nostra parte fermando il contagio restando a casa, #iorestoacasa.

Layout 1

Nel frattempo  noi di ANLA cercheremo di tenervi compagnia con qualche numero della nostra newsletter. Invitiamo i lettori tesserati ANLA a mandarci un breve scritto (max 2000 caratteri spazi compresi) sulla vostra quotidianità al tempo del #iorestoacasa con un accenno a quello che vorrete fare quando potremo tirare un respiro di sollievo. Non si tratta di un concorso ma di voler condividere le nostre esperienze di genitori, coppie, single, nonni a cui è cambiata improvvisamente la vita. Pubblicheremo i contenuti pervenuti su un’apposita sezione del nostro Anlablog e una selezione sulla nostra newsletter. Resistiamo, #andratuttobene!

#Iorestoincasa… e facciamo…

(di Annalisa Gatti) … Le pulizie a fondo? Credo che a nessuno sfugga la vista della polvere su tavolo, mensole etc, etc o la cesta del bucato che si riempie inesorabile….  immagino (purtroppo) che sia già un pensiero quotidiano di tutti noi, anzi chi non è abituato a stare in casa si può anche sentire circondato da incombenze fastidiose e poco divertenti da cui non si può più sfuggire. Io ad esempio ho proposto una bella pulizia della cantina a mio marito…. Ho pensato: “Ora o mai più!” Una cattiva idea? Non lo ho visto più in giro per casa, ha detto che doveva lavorare e si è chiuso in camera con il Pc. La mia mamma ha proposto a papà di verniciare il balcone, stessa reazione, sparito. Forse sarebbe meglio proporre di passare un pochino di tempo in cucina a sperimentare piatti nuovi e gustosissimi, magari dolci o marmellate fatte in casa.  Non per noi però, sempre un pochino in sovrappeso, il rischio è che, finito questo periodo di emergenza, la nostra bilancia ci faccia notare qualche chiletto in più che poi è faticosissimo da eliminare, soprattutto per chi non è proprio un giovanotto.

#iorestoincasa

#iorestoincasa

Oltre ad approfittare per leggere di più, vedere dei bei film, ascoltare buona musica, vorrei invece suggerirvi qualche ricetta naturale e semplice da provare in casa che possa essere una “coccola” che solitamente non abbiamo mai il tempo di fare a noi stesse ma utili anche per i nostri mariti, compagni, figli. Utilizziamo ad esempio lo yogurt, ingrediente semplice e naturale che tutti solitamente abbiamo in frigorifero; meglio se intero bianco, perché ha proprietà idratanti, purificanti e addolcenti e si può utilizzare per realizzare tantissimi prodotti per viso, corpo e capelli.

Ecco una ricetta veloce per rigenerare la pelle in pochi minuti, uno scrub yogurt e zucchero di canna: mescolate insieme 1 cucchiaino di yogurt con 2 cucchiaini di zucchero di canna; applicate questo composto granuloso sul viso inumidito con dell’acqua e massaggiate con movimenti circolari, per alcuni minuti.  Sciacquate con acqua fresca e tamponate il viso con un asciugamano. Facilissimo.

Una ricetta di crema per le mani, screpolate e secche è sempre lo yogurt  il protagonista: utilizzate il succo di un limone, un vasetto di yogurt bianco e un cucchiaino di miele e versate in una ciotola. Per mischiare usate un cucchiaio di legno. Quando la miscela sarà ben amalgamata mettete la ciotola in frigorifero per un’ora. Versatela bella fredda in un vasetto e conservate di nuovo in frigo per evitare che si formino muffe. Infine, quando si applica, (meglio la sera), il consiglio è di indossare per una mezz’ora un paio di guanti usa e getta. Alla fine, dopo un ultimo risciacquo, le mani saranno idratate e morbide.

Vi suggerisco ancora qualche rimedio facilissimo per occhi gonfi, occhiaie e borse sotto gli occhi: protagonista in questo caso la patata: lavatene accuratamente una e grattugiate insieme 2 fettine di cetriolo che aiuta a potenziare l’effetto lenitivo. Mescolate bene e mettete il composto in due garze di cotone naturale e poi sugli occhi per 20 minuti circa. Risciacquate con acqua tiepida. Abbiamo ancora tempo? Allora provate anche la maschera per capelli fragili all’uovo. Occorrono semplicemente 2 tuorli d’uovo, 2 cucchiai di olio, il succo di mezzo limone. Sbattete le uova e aggiungete il succo di limone. Versate l’intruglio sul cuoio capelluto, massaggiate bene e avvolgete i capelli nella pellicola trasparente e tenete in posa 30 minuti, poi lo shampoo e un risciacquo accurato. Questa maschera nutre il cuoio capelluto. Se avete invece i capelli grassi, oleosi, opachi o con forfora fate un risciacquo con l’aceto di mele dopo lo shampoo e frizionate bene la cute, quindi passate un veloce getto di acqua fredda.

Stare a casa quindi potrebbe non essere così noioso, non create il panico con proposte terribili come ho fatto io o la mia mamma, prendersi cura degli altri componenti della famiglia, anche con questi piccoli preparati è sempre un gesto di amore che non guasta mai. Provare per credere.

Ansia da Coronavirus: come gestirla

(di Francesca Curcio) Cari lettori, il periodo che stiamo vivendo ci chiama a dover cambiare le nostre abitudini e a rispettare alcune restrizioni e tutto questo inevitabilmente ci porta a misurarci con le nostre emozioni, ci sentiamo spaventati e disorientati. Stare in quarantena, non potersi più recare nei posti che si frequentavano ogni giorno, non vedere i propri genitori o i parenti più anziani o per gli anziani non vedere figli e nipoti, stanno mettendo a dura prova la maggior parte degli italiani. Il coronavirus rappresenta una minaccia invisibile da cui ci sentiamo indifesi, che va a minare la nostra sicurezza in maniera profonda, determinando talvolta dei comportamenti irrazionali. Dobbiamo, inoltre, fare i conti con un eccesso di informazioni contraddittorie, soprattutto attraverso web e social, che genera la caccia all’untore e il panico di massa ed è proprio la rapidissima diffusione di informazioni che incrementa notevolmente lo stato d’ansia, i pensieri ipocondriaci, e influenza contenuti deliranti con comportamenti emotivi conseguenti. Come fare quindi per gestire al meglio l’ansia da coronavirus che si sta rapidamente diffondendo tra la popolazione?

#iorestoincasa

#iorestoincasa

Più che la malattia in sé ciò che si teme è la paura del contagio sia dalle che verso le persone con cui veniamo in contatto come familiari, colleghi, amici. Le misure che sono state prese in maniera così drastica in questi giorni, con la chiusura delle scuole, delle chiese, dei musei e la sospensione degli eventi culturali e sportivi, riducono la nostra libertà personale condizionandoci pesantemente nel quotidiano e rendendoci in qualche modo ancora più fragili. Com’è noto, i soggetti più a rischio in questi giorni sono gli anziani, per l’età avanzata, ma anche i senza fissa dimora, le persone malate o con disabilità. Su tutti loro incombe anche un altro grave pericolo: l’isolamento. Diventa importante, non potendo far loro visita, stargli vicino con telefonate, messaggi audio e video, inviati in particolare a chi vive negli istituti. Anche offrirsi per portare la spesa a domicilio è un’azione preziosa per limitare il disagio di chi è più solo e vulnerabile. In questi giorni molte sono le iniziative in questo senso, per fortuna. Il coronavirus non è solo un’emergenza sanitaria, ma anche un’epidemia di insicurezza che si amplifica con la diffusione incontrollata di notizie non vere: sarebbe opportuno guardare le news ogni due o tre ore e nel tempo che intercorre tra un telegiornale e l’altro dedicarsi ad altre attività, come la lettura di un libro, giocare a carte, dedicarsi all’enigmistica, alla cucina, al giardinaggio.

In situazioni come questa è normale sentirsi stressati, tristi, confusi, spaventati o addirittura arrabbiati. In effetti siamo tutti più ansiosi e depressi, sfiduciati, costretti a veder saltare piani da tempo organizzati. Ecco allora i consigli dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) per superare al meglio questo momento per gli adulti:

  • Parla con le persone che ami e di cui ti fidi
  • Mantieni uno stile di vita sano
  • Segui le notizie da fonti attendibili e attieniti alle comunicazioni ufficiali delle autorità sanitarie (Ministero della Salute, Istituto Superiore della Sanità)
  • Limita la visione di telegiornali e la lettura di notizie catastrofiche
  • Attingi alle abilità che hai usato in passato
  • Continua a seguire routine e orari
  • Se compaiono sintomi come panico, ansia o depressione rivolgersi allo specialista al fine di un adeguato sostegno.

Anche l’Ordine Nazionale degli Psicologi, in linea con l’OMS, ha diffuso un vademecum su come affrontare la paura, che sostanzialmente ci ricorda di attenerci al pericolo oggettivo e quindi di mantenere un equilibrio tra la paura e il rischio oggettivo e soprattutto di non provare vergogna nel chiedere aiuto ad un professionista qualora la paura e l’ansia siano eccessive e creino disagio (www.psy.it).