Archivio tag: premio

Premiata la vice presidente ANLA Teresa Spampanato

Il Centro Servizi per il Volontariato, CSV, compie 20 anni: ne abbiamo parlato su Esperienza nr. 7/2018. Nell’ambito delle manifestazioni che si svolgono in tutta Italia, nelle Marche la nostra vice presidente nazionale Teresa Spampanato è stata premiata per i suoi 20 anni di impegno nel volontariato – anche se la sua attività ha radici ancora più profonde – e come fondatrice del Centro Servizi per il Volontariato nelle Marche (1998 – 2018). Grazie Teresa per il tuo continuo e inarrestabile impegno e complimenti!

 

Liguria premiata dalla UE per un progetto sull’invecchiamento attivo

Genova

Genova

Il 2012 è stato, per decisione dell’Unione Europea, l’ “Anno dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni”: con questa attenzione sono stati promossi iniziative e riconoscimenti volti a contribuire al dialogo fra le generazioni, la qualità della vita, la partecipazione alla vita sociale delle persone in là con gli anni. In questo ambito l’Unione Europea, per mano della commissaria Nelly Kroes, vice presidente della Commissione Europea, ha premiato la Regione Liguria per progetto “Memory training” sull’invecchiamento attivo.

L’iniziativa premiata contempla il coinvolgimento degli “anziani attivi” che offrono il loro tempo gratuito a sostegno delle persone fragili con azioni di mantenimento delle relazioni sociali e amicali, attività di buon vicinato, accompagnamento a iniziative ludiche- ricreative e culturali.

Lorena Rambaudi, assessore regionale al welfare, in un comunicato che potete leggere per esteso qui, commenta: “Sono soddisfatta del lavoro svolto dalla nostra regione nel campo dell’invecchiamento attivo  che distingue il nostro impegno in questo settore. Siamo infatti la prima regione in Italia ad aver approvato nel 2009 una legge sull’invecchiamento attivo. Merito comunque anche del lavoro di squadra svolto con l’agenzia regionale della sanità, l’Ente ospedaliero Galliera, l’Università di Genova”.

La Liguria rappresenta il 27 % della popolazione italiana over 65 anni con quasi 30.000 persone impegnate nell’assistenza socio-sanitaria.

Borse di Studio bandite da ANLA

Nella foto di archivio, una studentessa riceve il diploma di laurea in un'università italiana

Nella foto di archivio, una studentessa riceve il diploma di laurea in un’università italiana

A.N.L.A., Associazione Nazionale Seniores d’Azienda, ha istituito un premio di laurea di euro 2.500 in materie economico-sociali nelle Università di L’Aquila e Modena – Reggio Emilia per ricordare la figura del Presidente Nazionale Ing. Riccardo Tucci, che, scomparso nel 2012, ha guidato l’Associazione per sedici anni.

A.N.L.A. con questo gesto vuole da un lato onorare la memoria dello scomparso Presidente nazionale, dall’altro dare un tangibile segno di solidarietà alle popolazioni colpite dal terremoto nel 2009 e nel 2012 aiutando i migliori studenti distintisi nel settore economico-aziendale, ottemperando così alla sua mission statutaria volta alla diffusione dei valori spirituali e sociali del lavoro quali la fedeltà, l’esperienza e la professionalità e alla tutela della dignità e degli interessi dei Seniores, per un’accresciuta valorizzazione del loro ruolo nell’ambito aziendale e della società civile.

Il tema del premio di laurea è: “Longevità attiva e solidarietà intergenerazionale nel mercato del lavoro che cambia”.

Spiega il Presidente Nazionale di A.N.L.A prof. Antonio Zappi: “Lo scopo del tema proposto è quello di analizzare le dinamiche e le fenomenologie che si vanno diffondendo nel mercato del lavoro, alla luce di conciliare da un lato gli effetti prodotti dal prolungamento della permanenza nella vita attiva delle generazioni più adulte, conseguente al miglioramento delle aspettative di vita e al posticipo dell’età di uscita dal lavoro, dall’altro, l’esigenza di inserimento nella vita lavorativa di tanti giovani che rischiano oggi di restare ai margini del sistema produttivo, perché non trovano lavoro e perché, se lo trovano, la flessibilità li espone ad un più elevato rischio di espulsione”.

Il premio di laurea è destinato agli studenti delle due università che conseguano la laurea nell’anno accademico 2012-2013 con votazione finale non inferiore a 105/110. Per quanto riguarda l’Università di Modena-Reggio Emilia, gli studenti devono essere residenti nel corso dell’anno accademico 2012/2013 in una delle seguenti Provincie: Modena, Reggio Emilia, Ferrara, Bologna, Mantova, Rovigo. Per quanto riguarda l’Università dell’Aquila, i partecipanti alla selezione devono essere residenti in un comune dell’Abruzzo danneggiato dagli eventi sismici del 2009.